Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Installatore del sistema idrico

1. Definizione dell'attività

L'installatore del sistema idrico è un professionista la cui attività consiste nell'installazione e riparazione di tubi dell'acqua, servizi igienici (bagno, lavandino, piscina, ecc.) e le loro attrezzature.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

Per essere un installatore di sistemi idrici, il professionista deve essere professionalmente qualificato o posto sotto il controllo efficace e permanente di una persona qualificata.

La persona che pratica o controlla l'esercizio deve essere in possesso di uno dei seguenti diplomi o titoli di formazione:

  • Certificato di Master (BM) "Sanitary Installer";
  • Brevetto tecnico dei trade (BTM) "Health Installer";
  • Certificato di qualifica professionale (CAP) "Installatore di salute".

In assenza di uno di questi diplomi, l'interessato dovrà giustificare un'effettiva esperienza professionale di tre anni, in uno Stato o una parte dell'Unione europea (UE) all'accordo sullo Spazio economico europeo (AEA), acquisito come leader lavoratori autonomi o salariati nel lavoro di installatore del sistema idrico. In questo caso, l'interessato potrà richiedere un certificato di riconoscimento della qualifica professionale presso la relativa Camera dei commerci e dell'artigianato (CMA).

Per andare oltre Articolo 16 della legge 96-603 del 5 luglio 1996 sullo sviluppo e la promozione del commercio e dell'artigianato; Articolo 1 del decreto 98-246 del 2 aprile 1998; Decreto 98-246 del 2 aprile 1998 relativo alla qualificazione professionale richiesta per le attività dell'articolo 16 della legge 96-603 del 5 luglio 1996.

Formazione

Il WB "installatore sanitario" è un diploma di livello III (bac 2) rilasciato dall'Assemblea permanente delle camere di artigianato e artigianato (APCMA). Questo diploma è a disposizione del candidato con un contratto di apprendistato, dopo un corso di formazione continua o per convalida dell'esperienza (VAE). Per ulteriori informazioni, è possibile Sito ufficiale di VAE .

Il BTM "Health Installor" è un diploma di livello IV (bac) rilasciato dall'APCMA, accessibile in un contratto di apprendistato o di professionalizzazione, dopo un corso di formazione continua o attraverso la procedura VAE.

Il CAP "Health Installator" è un diploma di livello V, accessibile dopo un corso di formazione sotto lo status di studente, apprendistato o contratto di professionalizzazione, dopo un corso di formazione continua, per applicazione individuale o VAE.

Per andare oltre Elenco nazionale delle certificazioni professionali ( RNCP (RNCP) ).

Costi associati alla qualifica

La formazione che porta al diploma di installatore del sistema idrico è di solito gratuita. Per maggiori dettagli, si consiglia di avvicinarsi al centro di formazione in questione.

b. Cittadini dell'UE: per l'esercizio temporaneo e casuale (Consegna gratuita del servizio (LPS))

Qualsiasi cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea (UE) o parte dell'accordo sullo Spazio economico europeo (AEA), stabilito legalmente e operante come installatore di sistemi idrici in tale Stato, può esercitare in Francia occasionale, la stessa attività.

Qualora l'UE o lo Stato membro del CEE non regoli l'accesso o l'esercizio della professione, il professionista deve giustificare l'aver svolto tale attività per almeno un anno, negli ultimi dieci anni precedenti il beneficio, in uno o più anni Stati membri dell'UE.

In caso di differenze sostanziali tra la qualifica professionale del nazionale e quella richiesta in Francia, al fine di svolgere l'attività di installatore sistemi idrici, la CMA competente può richiedere che la persona interessata sottoponga ad un test attitudinale.

Se soddisfa queste condizioni, deve prima fare una dichiarazione di attività con la CMA del luogo in cui desidera praticare (vedi sotto "Fare una dichiarazione preventiva per l'UE o il cittadino SEE per un esercizio temporaneo (LPS)).

Per andare oltre L'articolo 17-1 della legge del 5 luglio 1996; L'articolo 2 del decreto del 2 aprile 1998 modificato dal decreto del 4 maggio 2017 .

c. Cittadini dell'UE: per un esercizio permanente (Free Establishment (LE))

Per operare come installatore di sistemi idrici in Francia, in modo permanente, l'UE o il SEE nazionale devono soddisfare una delle seguenti condizioni:

  • hanno le stesse qualifiche professionali di quelle richieste per un francese (vedi sopra: "2. a. Qualifiche professionali");
  • detenere un certificato di competenza o di formazione necessario per l'esercizio dell'attività di installatore del sistema idrico in uno Stato dell'UE o del CEA quando tale Stato regola l'accesso o l'esercizio di tale attività sul suo territorio;
  • avere un certificato di competenza o un certificato di formazione che certifica la sua disponibilità a svolgere l'attività di installatore del sistema idrico quando questo certificato o titolo è stato ottenuto in uno stato dell'UE o del CEA che non regola né regola l'accesso né l'esercizio di questa attività;
  • essere un diploma, un titolo o un certificato acquisito in un terzo Stato e ammesso in equivalenza da uno Stato dell'UE o del SEA a condizione che la persona abbia svolto questa attività per tre anni nello Stato che ha ammesso l'equivalenza.

Una volta che il cittadino di uno Stato dell'UE o del SEE soddisfa una delle suddette condizioni, potrà richiedere un certificato di riconoscimento della qualifica professionale (vedi sotto "5o). b. Richiedere un certificato di qualifica professionale per l'UE o il cittadino del CEA per un esercizio permanente (LE))

Qualora vi siano differenze sostanziali tra la qualifica professionale del nazionale e la formazione richiesta in Francia, la CMA competente può richiedere che la persona interessata sottoponga a misure compensative (cfr. infra "5o. a. Buono a sapersi: misure di compensazione").

Per andare oltre Articoli 17 e 17-1 della legge 96-603 del 5 luglio 1996; Gli articoli da 3 a 3-2 del decreto del 2 aprile 1998 sono stati modificati con il decreto del 4 maggio 2017.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

Nessuno può lavorare come installatore di sistemi idrici se sono:

  • divieto di gestione diretta o indiretta, gestione, amministrazione o controllo di un'impresa commerciale o artigianale;
  • una sanzione di attività professionale o sociale per uno qualsiasi dei reati o delitti previsti dall'articolo 131-6 del codice penale.

Per andare oltre Articolo 19 III della legge 96-603 del 5 luglio 1996.

È uno di quattro gradi. Assicurazione

L'installatore del sistema idrico liberale deve prendere un'assicurazione responsabilità civile professionale.

D'altra parte, se esercita come dipendente, questa assicurazione è solo facoltativa. In questo caso, spetta al datore di lavoro prendere tale assicurazione per i suoi dipendenti per gli atti compiuti durante la loro attività professionale.

Cinque gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

a. Effettuare una predichiarazione per l'UE o il cittadino del CEE per un esercizio temporaneo e occasionale (LPS)

Autorità competente

Il cittadino deve rivolgersi alla CMA dove desidera fornire servizi.

Documenti di supporto

La sua domanda deve includere i seguenti documenti, se del caso, con la loro traduzione approvata in francese:

  • Una fotocopia di un documento d'identità valido
  • un certificato che giustifica la sua costituzione legale in uno Stato dell'UE o del CEE;
  • un documento che giustifica la sua qualifica professionale, vale a dire:- Una copia di un diploma, titolo o certificato,
    • Un certificato di competenza,
    • tutti i documenti che attestano la sua esperienza professionale.

Si noti che

Quando il fascicolo è incompleto, il CMA ha un periodo di quindici giorni per informare il nazionale e richiedere tutti i documenti mancanti.

Esito della procedura

Alla ricezione di tutti i documenti nel file, la CMA ha un mese per decidere:

  • autorizzare il beneficio qualora il cittadino giustifichi tre anni di esperienza lavorativa in uno Stato dell'UE o del CEA e collegare a tale decisione un certificato di qualifica professionale;
  • o autorizzare la disposizione quando le qualifiche professionali del cittadino sono ritenute sufficienti;
  • sia per imporre un test attitudinale o un corso di adeguamento quando vi sono differenze sostanziali tra le qualifiche professionali del nazionale e quelle richieste in Francia. In caso di rifiuto di eseguire questa misura di compensazione o se non riesce a svolgere, il cittadino non sarà in grado di svolgere il servizio in Francia.

In assenza di una risposta da parte della CMA entro il periodo di tempo di cui sopra, il cittadino può iniziare la sua consegna del servizio.

Per andare oltre articolo 2 del decreto del 2 aprile 1998; L'articolo 2 del giovedì 17 ottobre 2017 per quanto riguarda la presentazione della dichiarazione e le richieste previste dal decreto 98-246 del 2 aprile 1998 e il titolo I del decreto 98-247 del 2 aprile 1998.

b. Richiedere un certificato di riconoscimento della qualifica professionale per l'UE o il cittadino del CEA per un esercizio permanente (LE)

L'interessato che desidera un diploma riconosciuto diverso da quello richiesto in Francia o dalla sua esperienza professionale può richiedere un certificato di riconoscimento della qualifica professionale.

Autorità competente

La sua richiesta deve essere indirizzata alla CMA competente del luogo in cui desidera stabilirsi.

Procedura

Una ricevuta della domanda viene inviata al richiedente entro un mese dalla ricezione da parte della CMA. Se il file è incompleto, la CMA chiede alla persona interessata di completarlo entro una quindicina di giorni dalla presentazione del file. Una ricevuta viene emessa non appena è completa.

Documenti di supporto

La domanda di certificazione di qualifica professionale è un file con i seguenti documenti giustificativi:

  • Una domanda per un certificato di qualifica professionale
  • una prova di qualifica professionale sotto forma di un certificato di competenza o di diploma o di un certificato di formazione professionale;
  • Una fotocopia del documento d'identità valido del richiedente
  • Se l'esperienza lavorativa è stata acquisita sul territorio di uno Stato dell'UE o del CEA, un certificato sulla natura e la durata dell'attività rilasciata dall'autorità competente nello Stato membro di origine;
  • se l'esperienza professionale è stata acquisita in Francia, le prove dell'esercizio dell'attività per tre anni.

Cosa sapere

Se necessario, tutti i documenti giustificativi devono essere tradotti in francese da un traduttore certificato.

La CMA può richiedere ulteriori informazioni sulla sua formazione o esperienza professionale per determinare la possibile esistenza di differenze sostanziali con la qualifica professionale richiesta in Francia. Inoltre, se la CMA si rivolgerà all'International Centre for Educational Studies (Ciep) per ottenere ulteriori informazioni sul livello di formazione di un diploma o di un certificato o di una designazione straniera, il richiedente dovrà pagare una tassa Ulteriori.

Tempo

Entro tre mesi dalla ricezione, la CMA può decidere di:

  • Riconoscere la qualifica professionale e la certificazione di emissione della qualifica professionale;
  • sottoporre il cittadino a una misura di compensazione e informarlo di tale decisione;
  • rifiutare di rilasciare il certificato di qualifica professionale.

Cosa sapere

In assenza di una decisione entro quattro mesi, si ritiene che sia stata acquisita la domanda di certificato di qualifica professionale.

Rimedi

Se la CMA rifiuta la domanda di qualificazione professionale della CMA, il richiedente può contestare la decisione. Essa può pertanto, entro due mesi dalla notifica del rifiuto della CMA, formare:

  • un grazioso appello al prefetto del relativo dipartimento CMA;
  • una contestazione legale dinanzi al giudice amministrativo competente.

Costo

Gratuito.

Buono a sapersi: misure di compensazione

La CMA notifica al ricorrente la sua decisione di fargli eseguire una delle misure di compensazione. Questa decisione elenca i temi non contemplati dalla qualifica attestata dal richiedente e le cui conoscenze sono imperative per la pratica in Francia.

Il richiedente deve quindi scegliere tra un corso di adeguamento fino a tre anni e un test attitudinale.

Il test attitudino prende la forma di un esame davanti a una giuria. Essa è organizzata entro sei mesi dalla ricezione da parte del CMA della decisione della ricorrente di optare per l'evento. In caso contrario, si ritiene che la qualifica sia stata acquisita e la CMA stabilisce un certificato di qualifica professionale.

Al termine del corso di adeguamento, il richiedente invia alla CMA un certificato che attua di aver validamente completato questo stage, accompagnato da una valutazione dell'organizzazione che lo ha supervisionato. La CMA rilascia, sulla base di questo certificato, un certificato di qualifica professionale entro un mese.

La decisione di utilizzare una misura di compensazione può essere impugnata dalla persona interessata che deve presentare un ricorso amministrativo al prefetto entro due mesi dalla notifica della decisione. Se il suo ricorso viene respinto, può quindi avviare una contestazione legale.

Costo

Può essere addebitata una tassa fissa che copra l'indagine del caso. Per ulteriori informazioni, si consiglia di avvicinarsi alla cMA pertinente.

Per andare oltre Articoli da 3 a 3-2 del decreto 98-246 del 2 aprile 1998; decreto del 28 ottobre 2009 ai sensi dei decreti 97-558 del 29 maggio 1997 e n. 98-246 del 2 aprile 1998 in relazione alla procedura di riconoscimento delle qualifiche professionali di un cittadino professionale di uno Stato membro della Comunità o un'altra parte statale dell'accordo dello Spazio economico europeo.

c. Rimedi

Centro di assistenza francese**

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'Unione europea o da parte dell'accordo DEL TESORo. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve compilare un modulo di reclamo online. Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi ( sito ufficiale ).