Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Professionisti dei contabili

1. Definizione dell'attività

Il contabile è un professionista la cui missione è quella di rivedere e apprezzare i conti, attestano la regolarità e la sincerità dei conti dei risultati, e anche tenere, centralizzare, aprire, fermare, monitorare, raddrizzare e consolidare per le aziende e le organizzazioni.

Attività ausiliarie direttamente correlate al lavoro contabile sono consentite anche per i professionisti della contabilità (consulenze, svolgimenti di tutti gli studi e lavori di natura statistica, economica, amministrativa, legale, sociale o fiscale e fornire comunicazione a qualsiasi autorità o organismo pubblico o privato che li autorizzi) ma senza poter essere al centro della loro attività e solo se sono società in cui si svolgono le missioni contabilità di natura permanente o abituale o nella misura in cui tali consultazioni, studi, opere o pareri sono direttamente collegati al lavoro contabile di cui sono responsabili.

Per andare oltre Articoli 2 e 22 dell'ordinanza 45 2138 del 19 settembre 1945, che istituivano il Collegio dei Dottori Commercialisti e regolavano il titolo e la professione di contabile pubblico.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

La professione di commercialista è riservata a chiunque si esista nella Tabella degli Ordini dei Revisori contabili, il che giustifica:

  • godendo dei suoi diritti civili;
  • non essendo stato condannato a una pena penale o penitenziale;
  • che presenta le garanzie di moralità ritenute necessarie dal Consiglio dell'Ordine;
  • Alternativamente:- hanno una laurea in contabilità in francese,
    • o avere quarant'anni e giustificare quindici anni di attività nell'esecuzione di lavori di organizzazione o revisione contabile, compresi almeno 5 anni in funzioni o missioni che comportano l'esercizio di importanti responsabilità di ordine amministrativo, finanziario e contabile
    • oppure, se è cittadina di uno Stato membro dell'Unione europea (UE) o dello Spazio economico europeo (AEA) per giustificare un certificato di competenza o un certificato di formazione riconosciuto come equivalente e rilasciato in tale Stato e, se necessario, soddisfatto di un test attitudine (cfr. punto b), o, se non nazionale, giustificare un grado riconosciuto equivalente al diploma contabile (CED) e hanno superato con successo un test attitudine.

Per andare oltre Articoli 3, 7Bis, 26 e 27 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945; Decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Quando si tratta di esercitare un'attività contabile aziendale, i professionisti possono costituire:

  • Società di contabilità: entità con personalità giuridica, ad eccezione delle forme legali che conferiscono ai loro partner lo status di trader. I commercialisti devono, direttamente o indirettamente da parte di una società registrata nell'Ordine, detenere più della metà del capitale e più di due terzi dei diritti di voto. Nessuna persona o gruppo di interessi, al di fuori dell'Ordine, deterrà, direttamente o per persona interposta, una parte del capitale o i diritti di voto che potrebbero mettere a repentaglio l'esercizio della professione, l'indipendenza dei partner commercialisti o il loro rispetto delle norme inerenti al loro status e alla loro etica. L'offerta pubblica di titoli finanziari è consentita solo per i titoli esclusi, anche differiti o condizionati, al capitale. I dirigenti, il presidente della società semplificata, il presidente del consiglio di amministrazione o i membri del consiglio di amministrazione devono essere contabili, membri della società. La società che è membro dell'Ordine comunica annualmente ai consigli dell'Ordine, da cui riporta l'elenco dei suoi associati e le eventuali modifiche apportate a questo elenco;
  • Holding contabile: il solo scopo di detenere titoli di società contabili;
  • associazioni di gestione e contabilità: create su iniziativa delle camere territoriali di commercio e dell'industria, delle camere di commercio o delle camere di agricoltura o di organizzazioni professionali di industriali, commercianti, artigiani, agricoltori o professionisti. Nessuna associazione può essere iscritta al consiglio di amministrazione se ha meno di trecento membri al momento della domanda. Gli amministratori e gli amministratori di tali associazioni devono giustificare l'ademposizione dei loro obblighi fiscali e sociali;
  • Crisettore contabile: persone fisiche di altri Stati membri dell'UE o di altri Stati affar dell'accordo sullo spazio economico europeo, nonché persone giuridiche incorporate in conformità di uno di questi Stati, che ha la sua sede legale, sede o istituzione principale in uno di questi Stati, che praticano legalmente la professione di contabilità, ha il diritto di costituire, per l'esercizio di rami che non hanno personalità giuridica. Le succursali non sono membri del Collegio dei Dottori Commercialisti. Sono sul tabellone. Il loro lavoro è sotto la responsabilità di un contabile praticante all'interno del ramo e rappresentante ordinale specificamente nominato in tale veste al consiglio regionale del Collegio dei Commercialisti pubblici da coloro che sono ammessi al costituire;
  • multi-professionali società di pratica: l'obiettivo della pratica congiunta di diverse professioni di avvocato, avvocato presso il Consiglio di Stato e la Corte di Cassazione, banditore giudiziario, funzionario giudiziario, notaio, amministratore giudiziario, agente giudiziario, consulente di proprietà industriale, revisore contabile e contabile. La società di pratica multiprofessionale deve includere almeno un membro di ciascuna delle professioni che esercita. L'azienda può assumere qualsiasi forma sociale, ad eccezione di quelli che danno ai loro partner lo status di commerciante. Essa è regolata dalle regole specifiche della forma sociale prescelta. Qualunque sia la forma di azione sociale scelta dalla società praticante multiprofessionale, e anche quando non è stata incorporata come società di esercitazione liberale, alcune disposizioni del titolo I di atto 90-1258 del 31 dicembre 1990 sono Applicabile. Tutti i capitali e i diritti di voto sono detenuti dalle seguenti persone:- (1) qualsiasi persona fisica che pratici, all'interno o all'esterno della società, una delle professioni menzionate nell'articolo 31-3 della legge 90-1258 del 31 dicembre 1990 e praticata congiuntamente all'interno della società,
    • (2) persona giuridica il cui intero capitale e diritti di voto è di proprietà diretta o indiretta di una o più persone menzionate nel primo
    • (3) qualsiasi persona fisica o giuridica, legalmente stabilita in un altro Stato membro dell'Unione europea o parte dell'accordo sullo Spazio economico europeo o nella Confederazione svizzera, che svolge effettivamente, in uno di questi Stati, un'attività soggetta a uno status legislativo o normativo o subordinato al possesso di una qualifica nazionale o internazionale riconosciuta, la cui attività in Francia rientra in una delle professioni menzionate nell'articolo 31-3 e che viene esercitata congiuntamente all'interno della società ; per le persone giuridiche, tutti i diritti di capitale e di voto sono detenuti alle condizioni previste nel primo o nel secondo;
  • holding finanziaria delle professioni liberali: incorporata tra individui o società che esercitano una o più professioni professionali soggette a status legislativo o normativo o il cui titolo è protetto o persone 6 di Il 6 a. dell'articolo 5 della legge 90-1258 del 31 dicembre 1990, società finanziarie per la partecipazione di azioni o azioni di società menzionate nel primo paragrafo dell'articolo 1 della legge 90-1258 di 31 Dicembre 1990 con lo scopo dell'esercizio della stessa professione, nonché la partecipazione a qualsiasi gruppo di diritto straniero con lo scopo dell'esercizio della stessa professione. Queste società possono svolgere qualsiasi altra attività soggetta ad essere destinata esclusivamente alle società o ai gruppi di cui detengono interessi. Queste società possono essere costituite sotto forma di società a responsabilità limitata, società limitate, società, azioni semplificate o partnership limitate disciplinate dal Libro II del Codice di Commercio. Più della metà del capitale e dei diritti di voto devono essere detenuti da persone della stessa professione delle società detenute dalle azioni o dalle azioni. Dirigenti, presidente, dirigenti, presidi del consiglio di amministrazione, membri del consiglio di amministrazione, presieduto dal consiglio di sorveglianza e dagli amministratori, nonché almeno due terzi dei membri del consiglio di amministrazione o il consiglio di sorveglianza della società semplificata, deve essere scelto tra coloro che sono autorizzati a formare queste società.

Per andare oltre Articolo 7, 7 Ter, 7 D 45-2138 del 19 settembre 1945 e le sezioni da 31 a 31-2, e gli articoli 31-3 e gli articoli 31-3 dell'atto 90-1258 del 31 dicembre 1990 relativi all'esercizio sotto forma di società professionali soggette a status legislativo o normativo o di cui il titolo è protetto e alle holding finanziarie delle professioni liberali.

Formazione

Per candidarsi al Collegio come contabile, il candidato, che non utilizza le procedure menzionate negli articoli 7 Bis, 26 o 27 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945, deve aver successivamente convalidato i seguenti diplomi ad eccezione delle esenzioni concesse ai titolari di determinati titoli e diplomi:

  • una laurea in contabilità e gestione (DCG) (B.A.3);
  • La laurea in contabilità e gestione (DSCG) a livello di master (B.A. 5);
  • il diploma di contabilità (DEC) al livello di bac 8, dopo uno stage triennale in una società di contabilità. Per questo diploma, il candidato deve superare una prova scritta sulla revisione legale e contrattuale dei conti, una prova orale davanti a una giuria e sostenere la sua tesi alla fine del suo stage.

Questi diplomi possono essere ottenuti anche attraverso la experience Validation Procedure (VAE).

Per andare oltre Articolo 3 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945, articolo 45 e successivo al decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Costi associati alla qualifica

C'è una tariffa fissa per grado e per evento. Nel 2018, per il DCG, il prezzo per evento è fissato a 20 euro 14 eventi. Per quanto riguarda il DSCG, sarà 30 euro 8 eventi. Inoltre, vengono pagati i vari corsi di preparazione per questi diplomi. Per ulteriori informazioni, si consiglia di avvicinarsi alle organizzazioni che li forniscono.

La procedura per il riconoscimento delle qualifiche professionali dei cittadini dell'UE o del CEE è gratuita.

b. Cittadini dell'UE o del CEE: per esercizio temporaneo e occasionale (Consegna gratuita dei servizi)

La professione di contabile o di parte delle attività contabili può essere svolta in Francia su base temporanea e occasionale da qualsiasi cittadino di uno Stato membro dell'UE o da una parte dell'accordo DEL TESORo, subordinatamente a:

  • (1) essere stabilito legalmente, in via permanente, in uno degli Stati menzionati per svolgere in tutto o in parte l'attività del commercialista;
  • (2) qualora l'occupazione o la formazione che la conducesse non sia regolamentata nello Stato di stabilimento, aver ulteriormente praticato tale occupazione in uno o più Stati menzionati per almeno un anno nei dieci anni precedenti la prestazioni che intende raggiungere in Francia.

La disposizione contabile è effettuata sotto il titolo professionale dello Stato di Istituzione, dove tale titolo esiste in tale stato. Questo titolo è indicato nella lingua ufficiale dello Stato di Istituzione. Nei casi in cui questo titolo professionale non esiste nello Stato dell'istituto, il ricorrente menziona il suo diploma o titolo di formazione nella lingua ufficiale di tale stato. L'andamento di questo vantaggio contabile è soggetto a una dichiarazione scritta al Consiglio superiore del Collegio dei Dottori Commercialisti prima del primo beneficio. La dichiarazione scritta specifica la copertura assicurativa o altri mezzi di protezione personale o collettiva per quanto riguarda la responsabilità professionale di questo fornitore. La dichiarazione prevista ai fini dell'esecuzione del primo beneficio in Francia su base temporanea e occasionale viene ripetuta in caso di cambiamento sostanziale degli elementi della dichiarazione e rinnovata ogni anno se l'attore prevede di svolgere tale attività nel corso dell'anno in questione. Al ricevimento di questa dichiarazione, il Consiglio superiore del Collegio dei Dottori Commercialisti ne invia una copia al Consiglio regionale del Collegio dei Dottori Commercialisti in cui deve essere effettuata la fornitura di competenze contabili. Al ricevimento di questa trasmissione, il consiglio regionale registra il dichiarante per l'anno considerato nel consiglio dell'ordine.

Per andare oltre Sezione 26-1 dell'Ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945.

c. Cittadini dell'UE o del CEE: per un esercizio permanente (Free Establishment)

Qualsiasi cittadino di uno Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL EIA che soddisfi una delle due condizioni può essere incluso nell'ordine come contabile, senza avere una laurea in contabilità:

  • (1) detenere un certificato di competenza o di qualifiche di formazione coperto dall'articolo 11 del 2005/36/ La direttiva modificata del Parlamento europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005 relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali che consentono la pratica della professione in uno Stato membro dell'UE o di un partito all'accordo SEE. Il presente certificato o titolo è rilasciato dall'autorità competente di tale Stato e punisce la formazione acquisita nell'UE o nel CEA, da un paese terzo, a condizione che sia fornito un certificato dell'autorità competente dello Stato membro dell'UE o che una parte dell'accordo del CEA che abbia riconosciuto il diploma, il certificato o il altro titolo, certificando che il titolare ha, in tale Stato, almeno tre anni di lavoro a tempo pieno o di un periodo di tempo Anni. I certificati di competenza o i documenti di formazione sono rilasciati stato di origine, indicato in conformità con le disposizioni legislative, regolamentari o amministrative di tale Stato;
  • (2) aver lavorato a tempo pieno come contabile per un anno o part-time per un periodo totale equivalente almeno agli ultimi dieci anni in uno Stato membro dell'UE o una parte dell'accordo DEL EAI che non disciplina la e che hanno uno o più certificati di competenza o di prova di formazione credenziali emessi da un altro stato che non regola questa professione. Questi certificati di competenza o credenziali di formazione soddisfano le seguenti condizioni:- a) essere emessi dall'autorità competente dello Stato menzionato nel primo comma, designato conformemente alle disposizioni legislative, normative o amministrative di tale Stato,
    • b) certificare la preparazione del proprietario per la pratica della professione interessata. Tuttavia, la condizione di un'esperienza lavorativa di un anno menzionata non è necessaria quando il titolo del richiedente o i documenti di formazione sanciscono la formazione regolamentata direttamente orientata verso la pratica della professione. Contabilità.

A meno che le conoscenze, le competenze e le competenze acquisite durante l'esperienza lavorativa, sia a tempo pieno che a tempo parziale, o all'apprendimento permanente, e che sia stato convalidato da un'autorità competente a tal fine in uno Stato membro dell'UE o in un partito dell'accordo europeo del SEA o in un paese terzo designato conformemente alle disposizioni legislative, normative o amministrative di tale Stato, rischiano di rendere superflua tale verifica, l'interessato deve essere presentare ad un test attitudine:

  • (1) qualora la formazione che essa giustifica comprende argomenti sostanzialmente diversi da quelli del programma francese di diploma di contabilità;
  • (2) quando lo Stato in cui ha ottenuto un certificato di competenza o un documento di formazione contemplato dall'articolo 11 del 2005/36/ CE modificato dal Parlamento europeo e dal Consiglio il 7 settembre 2005 in relazione al riconoscimento delle qualifiche professionali che utilizza o dello Stato in cui ha esercitato, non regola tale professione né la disciplina in modo sostanzialmente diverso dai regolamenti francesi.

Per andare oltre Articolo 26 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945 e degli articoli da 97 a 99 e 103 del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

L'applicazione in tal senso, sia per uno stabilimento che per una fornitura temporanea e occasionale di servizi in Francia, l'autorità competente concede un accesso parziale alle attività contabili quando tutte le condizioni sono riempiti:

  • (1) il professionista è pienamente qualificato per svolgere in uno Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL SEA l'attività professionale per la quale è richiesto un accesso parziale;
  • (2) le differenze tra l'attività professionale svolta legalmente nello Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL CEE e la professione di contabile in Francia sono così importanti che l'applicazione di misure di compensazione equivarrebbe a imporre candidato a seguire l'intero programma di istruzione e formazione richiesto in Francia per avere pieno accesso alla professione in Francia;
  • (3) il lavoro richiesto può essere oggettivamente separato da altre attività della professione contabile in Francia, in quanto può essere svolto autonomamente nello Stato membro di origine.

L'accesso parziale può essere negato se tale rifiuto è giustificato per motivi di interesse generale, se è idoneo a garantire il raggiungimento dell'obiettivo perseguito e se non va oltre ciò che è necessario per raggiungere tale obiettivo. L'attività professionale è svolta sotto il titolo professionale dello Stato d'origine quando è stato concesso l'accesso parziale. I professionisti che hanno accesso parziale indicano chiaramente ai destinatari dei servizi l'ambito delle loro attività professionali.

Le disposizioni di ciò non si applicano ai professionisti che ricevono il riconoscimento automatico delle loro qualifiche professionali in conformità con gli articoli 49Bis e 49Ter 2005/36/ CE modificato dal Parlamento europeo e dal Consiglio del 7 settembre 2005 per il riconoscimento delle qualifiche professionali.

Le domande di accesso parziale a un istituto sono esaminate secondo la stessa procedura delle domande ai sensi dell'ordine 26 dell'ordine 45-2138 del 19 settembre 1945.

I professionisti che sono stati autorizzati a svolgere parzialmente l'attività contabile non sono membri del Collegio dei Dottori Commercialisti. Essi sono collocati nel consiglio dell'Ordine in base alle condizioni stabilite nella sezione II dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945. Essi sono soggetti alle disposizioni legislative e regolamentari relative alla professione di contabile pubblico. Essi pagano le quote sulla stessa base e alle stesse condizioni dei membri dell'Ordine.

Per andare oltre Articolo 26-0 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945 e articoli 97 a 99-1 e 103 del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

I professionisti della contabilità devono rispettare le disposizioni legislative e normative che disciplinano la loro professione e i regolamenti interni del Collegio, che sono stabiliti su decisione del Consiglio superiore. In tutti i casi, i professionisti della contabilità si assumono la responsabilità del loro lavoro e delle loro attività. La propria responsabilità delle società aderenti all'Ordine e delle associazioni di gestione e contabilità lascia la responsabilità personale di ciascun contabile o professionista autorizzato a svolgere parzialmente l'attività contabilità a causa del lavoro che fa per conto di queste società, filiali o associazioni. Il lavoro e le attività devono essere accompagnati dalla firma personale del contabile, del dipendente o del professionista che è stato autorizzato a svolgere parzialmente l'attività contabile, nonché il visto o la firma sociale. I membri del l'Ordine, che, essendo partner o azionisti di una società da essa riconosciuta, svolge la loro attività in tale società, così come i membri dell'Ordine stipendiati da un collega o società quotata nel consiglio di amministrazione, di una società poliedriche di pratica, una succursale o un'associazione di gestione e contabilità, e i professionisti che sono stati autorizzati a svolgere parzialmente l'attività contabile possono svolgere i loro compiti o mandati per proprio conto e per proprio conto. direttamente affidati da clienti o membri. Essi esercitano tale diritto nelle condizioni delle convenzioni che alla fine li legano a tali società o ai loro datori di lavoro.

I professionisti della contabilità sono vincolati dal segreto professionale nel corso delle loro funzioni. Tuttavia, essi sono slegati in caso di informazioni aperte nei loro confronti o di azioni intentate contro di loro dalle autorità pubbliche o in azioni intentate dinanzi alle camere disciplinari dell'Ordine.

Essi sono inoltre soggetti a regole di incompatibilità di esercizio. In quanto tali, non possono:

  • essere assunto, ad eccezione di un altro contabile o di una società che pratica legalmente la contabilità pubblica, un membro della Società Nazionale dei Revisori dei Conti, un ramo contabile o un'associazione di gestione e gestione. Contabilità;
  • svolgere un'altra attività commerciale o un atto di intermediario a grande capacità;
  • hanno il mandato di ricevere, conservare o emettere fondi o titoli, o di rinunciare. Tuttavia, in qualità di accessorio, contabili, società contabili, filiali, associazioni di gestione e contabilità, i dipendenti di cui agli articoli 83 ter e 83 trimestri e le società multiprofessionali conto bancario dell'ordine può, attraverso il conto bancario del loro cliente o membro, procedere alla riscossione amichevole dei loro debiti e al pagamento dei loro debiti, per i quali è stato loro affidato un mandato, a condizioni stabilite per decreto. L'emissione di fondi può essere effettuata quando corrisponde al pagamento di debiti fiscali o sociali per i quali è stato affidato un mandato al professionista;
  • agire come agente d'impresa, assumere una missione di rappresentanza davanti ai tribunali dell'ordine giudiziario o amministrativo, svolgere attività contabili, contabili o contabili per le società in cui sono direttamente o indirettamente hanno interessi sostanziali.

Infine, i professionisti della contabilità sono soggetti a un Codice Etico. Il presente Codice Etico contiene norme relative a i doveri generali, i doveri ai clienti o ai membri, i doveri di fraternità e i doveri al Collegio.

Per andare oltre Articoli 12, 21, 22 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945, articoli 141 e successivi al Decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012 e ordinati il 3 maggio 2012 in merito alle normative interne del Collegio dei Dottori Commercialisti.

È uno di quattro gradi. Legislazione sociale e assicurazione

Per quanto riguarda la legislazione sociale, i professionisti della contabilità devono rispettare le disposizioni giuridiche e normative applicabili in Francia in materia sociale a seconda delle modalità di prassi scelte. Inoltre, devono contribuire al fondo di indennità di vecchiaia di contabili e revisori dei conti, anche se sono affiliati al sistema generale di sicurezza sociale.

Per andare oltre : Codice di previdenza sociale e articolo 27 Bis 45-2138 del 19 settembre 1945.

Per quanto riguarda la legislazione assicurativa, i professionisti del settore contabile sono obbligati, se stabiliti in Francia, a giustificare un contratto di assicurazione per garantire la responsabilità civile lavoro e attività. L'importo delle garanzie assicurative stipulate non può essere inferiore, per assicurato, a 500.000 euro per sinistro e un milione di euro all'anno di assicurazione. Le parti possono concordare disposizioni più favorevoli.

Quando le conseguenze pecuniarie della responsabilità civile non sono coperte da tale contratto, sono garantite da un contratto di assicurazione sottoscritto dal Consiglio superiore dell'ordine a beneficio del quale sarà di proprietà. I professionisti della contabilità sono coinvolti nel pagamento dei premi per questo contratto.

Per andare oltre Articolo 17 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945 e degli articoli 134 e articoli del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Cinque gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

a. Dichiarazione Anticipata/Carta Professionale

Non è richiesta alcuna dichiarazione preventiva ai professionisti della contabilità con sede in Francia, ad eccezione dei cittadini dell'UE o del SEA che desiderano utilizzare gratuitamente e occasionalmente.

D'altra parte, essi sono soggetti all'obbligo di iscriversi al consiglio di amministrazione del Collegio dei commercialisti.

Per andare oltre Articoli 3, 7, 7Bis, 7 Ter, 7 D, 26, 26-1 e 27 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945 e delle sezioni da 31 a 31-2, e gli articoli 31-3 e i seguenti atti 90-1258 del 31 dicembre 1990.

b. Autorità competente

L'Alto Consiglio del Collegio dei Dottori Commercialisti (CSOEC) e i consigli regionali del Collegio dei Dottori Commercialisti costituiscono le autorità competenti per l'inclusione dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e il riconoscimento di Qualifiche.

      Consiglio Superiore del Collegio dei Dottori Commercialisti

      19 Jay Cognacq Street, 75341 Parigi Cedex 07

Sito web del Collegio dei Commercialisti:https://www.experts-comptables.fr/page-d-accueil

In termini di formazione iniziale, il CSOEC ha sulle sue pagine web dedicate a:

Per quanto riguarda il riconoscimento delle qualifiche professionali, il CSOEC ha sul proprio sito una pagina dedicata, scheda informativa sull'argomento .

I passaggi e ulteriori informazioni possono essere ottenuti contattando il reparto di formazione del CSOEC:

Posta elettronica: communication@cs.experts-comptables.org

o Dominique Nechelis: dnechelis@cs.experts-comptables.org

o Marie-Claire Aorte: mcaorte@cs.experts-comptables.org

Infine, un modulo di contatto è disponibile anche sul sito web del Consiglio Superiore del Collegio dei Dottori Commercialisti.

c. Tempi di risposta

Per quanto riguarda l'iscrizione nel consiglio dell'ordine, la registrazione è richiesta al Consiglio regionale dell'ordine nella circoscrizione da cui si basa il candidato. Il consiglio regionale deve pronunciarsi entro tre mesi. La decisione del Consiglio regionale deve essere informata al candidato e al commissario regionale del governo entro dieci giorni liberi. Essa può essere deferita, entro un mese dalla notifica, al Comitato nazionale della tabella, sia dalla persona interessata in caso di rifiuto della registrazione sia, in caso contrario, al Commissario regionale del governo.

Per quanto riguarda la registrazione delle associazioni di gestione e contabilità, una commissione nazionale è responsabile di decidere l'elenco delle associazioni di gestione e contabilità nel consiglio di amministrazione e di tenere un elenco di tali associazioni. La Commissione stabilisce entro i tempi e le condizioni di ricorso per altri professionisti della contabilità.

Per andare oltre Articoli 42 e 42 Bis 45-2138 del 19 settembre 1945 e gli articoli 106 e successivi al decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Per quanto riguarda il riconoscimento delle qualifiche professionali, il CSOEC riconosce la ricezione del fascicolo della ricorrente entro un mese dalla ricezione. Il parere motivato su una domanda di riconoscimento delle qualifiche professionali deve essere inviato alla persona interessata entro tre mesi dalla presentazione del suo fascicolo completo.

Per andare oltre Articoli 98 e 99 del Decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

d. Documenti di supporto

Per quanto riguarda l'iscrizione nel consiglio di amministrazione dell'ordine, la domanda di inclusione nelle sezioni e negli elenchi della tabella deve essere accompagnata da documenti che giustificano che la persona soddisfa le condizioni stabilite nella sezione 3 dell'ordinanza del 19 settembre 1945.

Per andare oltre Articolo 116 del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Quando si tratta del riconoscimento delle qualifiche professionali, i documenti da fornire sono:

  • (1) documenti che stabiliscono il loro stato civile, la nazionalità e la residenza;
  • (2) documenti per verificare che soddisfino i requisiti delle disposizioni del I O II di cui all'articolo 26 o quelli dell'articolo 26-0 dell'ordine del 19 settembre 1945, come le copie dei certificati di competenza o prove di credenziali di formazione che forniscono l'accesso alla professione di contabile o consentono l'esercizio parziale dell'attività contabile;
  • (3) un documento o un certificato delle autorità del paese nazionale che attestata che il candidato soddisfa le condizioni morali stabilite il secondo e 3 di urto 3 dell'ordinanza del 19 settembre 1945;
  • (4) un documento o un certificato, se del caso di una banca o di una compagnia di assicurazione in uno Stato membro dell'UE o di un'altra parte dello Stato dell'accordo DEL EA, stabilendo che il richiedente è assicurato contro i rischi finanziari associati al responsabilità in conformità con i requisiti di cui all'paragrafo 17 dell'ordine del 19 settembre 1945. A tal fine, devono essere menzionati la natura delle prestazioni assicurate e l'importo annuo delle garanzie assicurative stipulate. Tale importo deve essere in relazione all'obbligo assicurativo imposto ai membri dell'Ordine ai sensi delle sezioni da 134 a 140 del decreto del 30 marzo 2012.

I documenti prodotti sono accompagnati, se necessario, dalla loro traduzione in francese da un traduttore giurato o autorizzato a intervenire con le autorità giudiziarie e amministrative di uno Stato membro dell'UE o di un'altra parte dello Stato all'accordo. See. Gli originali non sono necessari.

Per andare oltre Articolo 97 del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

e. Rimedi

Nazionale

Per quanto riguarda la registrazione nell'elenco dell'ordine, una decisione di rifiuto può essere deferita, entro un mese dalla notifica, al Comitato nazionale della tabella, sia dalla persona interessata in caso di rifiuto della registrazione, o Commissario regionale del governo. Il giudice deve pronunciarsi entro sei mesi. Se la decisione non ha avuto luogo alla fine di questo periodo, l'elenco è legale. Nel caso di una decisione di rifiuto di essere incluso nel consiglio di amministrazione dal Comitato nazionale del tavolo, tale decisione può essere impugnata dinanzi al tribunale amministrativo alle condizioni del diritto comune.

Per andare oltre : Codice di giustizia amministrativa, articoli 43 e 44 dell'ordinanza 45-2138 del 19 settembre 1945 e degli articoli 106 e articoli del decreto n. 2012-432 del 30 marzo 2012.

Per quanto riguarda il riconoscimento delle qualifiche professionali, nel caso di decisione di rifiutare il riconoscimento delle qualifiche professionali, tale decisione può essere impugnata dinanzi al giudice amministrativo condizioni del diritto comune.

Per andare oltre In: Codice di giustizia amministrativa.

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL SEA. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve completare un modulo di reclamo online .

Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi ( sito ufficiale ).