Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Assistente per l'assistenza all'infanzia

1. Definizione dell'attività

L'assistente all'infanzia è un professionista che fornisce assistenza, sotto la responsabilità dell'infermiere o della persona materna, e svolge attività di risveglio e di educazione per preservare e ripristinare la continuità della vita, del benessere e l'autonomia del bambino. Partecipa inoltre all'accoglienza e all'integrazione sociale di bambini con disabilità, malattie croniche o a rischio di esclusione.

Per andare oltre : Appendice I del decreto del 16 gennaio 2006 sulla formazione che porta al diploma di stato dell'assistenza all'infanzia ausiliaria.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

Persone che detengono il Diploma di Stato di assistenza all'infanzia ausiliare, certificato di idoneità per l'assistenza all'infanzia ausiliario o di diploma professionale di ausiliario di assistenza all'infanzia, assistenza all'infanzia ausiliare Può esercitarsi come assistente di assistenza all'infanzia. Benessere dei bambini.

Per andare oltre Articolo L. 4392-1 del codice di sanità pubblica.

Formazione

Il diploma di Stato dell'assistenza all'infanzia ausiliare è preparato, il più delle volte, in dieci mesi di istruzione continua (o diciotto mesi in caso di formazione discontinua).

La formazione, che si svolge in una scuola specializzata o in un istituto di formazione, è aperta a tutte le persone di età superiore ai diciassette anni che superano il concorso di ingresso in uno degli istituti o scuole di formazione. D'altra parte, non sono richiesti requisiti di laurea.

L'ammissione finale a un istituto di formazione per assistenti di assistenza all'infanzia è subordinata alla produzione di un certificato medico, stabilito da un medico, che attesta che il candidato non presenta una controindicazione fisica o psicologica e che le sue vaccinazioni siano conformi alle normative vigenti.

Il diploma di Stato può essere ottenuto anche convalidando l'esperienza (VAE). Per ulteriori informazioni, è possibile sito ufficiale Vae.

Per andare oltre del 16 gennaio 2006.

Costi associati alla qualifica

La formazione come assistente all'assistenza all'infanzia paga. Il suo costo varia, a seconda dell'organizzazione di formazione, tra 2.000 e 5.000 euro (importo come indicazione). Per ulteriori informazioni, si consiglia di avvicinarsi al centro di formazione in questione.

b. Cittadini dell'UE: per esercizi olfatto temporaneo e occasionale (Consegna gratuita dei servizi)

Il cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea (UE)o parte dell'accordo dello Spazio economico europeo (AEA), stabilito legalmente in uno di questi Stati può svolgere la stessa attività in Francia su base temporanea e occasionale a condizione che abbia inviato una precedente dichiarazione di attività al prefetto del dipartimento della consegna.

Se né l'accesso né la formazione sono regolamentati nello Stato membro di origine o nello stato dell'istituto, il cittadino deve anche giustificare l'aver svolto tale attività per almeno l'equivalente di due anni a tempo pieno nel negli ultimi dieci anni prima del beneficio.

Le qualifiche professionali del fornitore vengono verificate prima della fornitura del primo servizio. In caso di differenza sostanziale tra le qualifiche del ricorrente e la formazione richiesta in Francia, che rischia di danneggiare la salute pubblica, l'autorità competente chiede al ricorrente di dimostrare di aver acquisito le conoscenze e le competenze misure di compensazione (cfr. infra "Buono a sapersi: misure compensative").

In tutti i casi, il cittadino europeo che desidera esercitare in Francia su base temporanea o occasionale deve possedere le competenze linguistiche necessarie per svolgere l'attività e padroneggiare il peso e i sistemi di misurazione utilizzati in Francia. Francia.

Per andare oltre Articoli L. 4392-4 e L. 4392-5 del codice di salute pubblica.

c. Cittadini dell'UE: per un esercizio permanente (Free Establishment)

Un cittadino di uno Stato dell'UE o del CEA che desidera esercitare l'assistenza all'infanzia in Francia in Francia deve ottenere una licenza per esercitare.

I cittadini dell'UE o del BEE che hanno completato con successo un'istruzione scolastica superiore possono essere autorizzati a esercitare in Francia se detengono:

  • un certificato di formazione rilasciato da uno Stato dell'UE o del CEA in cui l'accesso o la pratica della professione sono regolamentati e che consente di praticare la pratica legale;
  • un certificato di formazione rilasciato da uno Stato dell'UE o del CEA in cui non è regolamentato né l'accesso né la pratica della professione, accompagnato da un certificato che giustifica l'esercizio di questa attività in tale Stato per almeno due anni a tempo pieno negli ultimi dieci anni;
  • un certificato di formazione, rilasciato da un terzo Stato, riconosciuto in uno Stato dell'UE o del CEA, diverso dalla Francia, che consente alla professione di essere praticata legalmente in tale paese.

I cittadini che desiderano lavorare in Francia come assistenti all'infanzia devono avere le competenze linguistiche necessarie per svolgere la loro attività e quelle relative al peso e ai sistemi di misurazione utilizzati in Francia.

Quando l'esame delle qualifiche professionali rivela differenze sostanziali nelle qualifiche richieste per l'accesso alla professione e alla sua pratica in Francia, la persona interessata può essere sottoposta, a seconda della sua scelta, a un test (vedi sotto: "Buono a sapersi: misure compensative").

Per andare oltre Articoli L. 4392-2 e L. 4392-5 del codice di sanità pubblica.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

Obbligo di formazione professionale continua

Gli assistenti per l'assistenza all'infanzia devono partecipare annualmente a un programma di sviluppo professionale continuo. Questo programma ha lo scopo di mantenere e aggiornare le loro conoscenze e competenze, nonché per migliorare le loro pratiche professionali.

Come tale, il professionista della salute (salario o liberale) deve giustificare il suo impegno per lo sviluppo professionale. Il programma è sotto forma di formazione di presentazione, mista o non-presential. Tutta la formazione è registrata in un documento personale contenente i certificati di formazione.

Per andare oltre : decreto del 30 dicembre 2011 sul continuo sviluppo professionale degli operatori sanitari alleati.

È uno di quattro gradi. Assicurazione

In caso di esercizio liberale, l'assistente per l'assistenza all'infanzia è tenuto a prendere un'assicurazione responsabilità civile professionale. D'altra parte, se esercita come dipendente, questa assicurazione è solo facoltativa. In questo caso, spetta al datore di lavoro prendere tale assicurazione per i suoi dipendenti per gli atti compiuti a volte.

Cinque gradi. Processo di riconoscimento delle qualifiche e formalità

a. Fare una dichiarazione preventiva dell'attività per i cittadini dell'UE impegnati in attività temporanee e occasionali (LPS)

Qualsiasi cittadino dell'UE o del TESORo che sia stabilito e pratichi legalmente come assistente all'assistenza all'infanzia in uno Stato dell'UE o nel CEA può esercitare la stessa professione in Francia su base temporanea o occasionale se effettua la dichiarazione precedente.

Se né l'accesso né l'esercizio di questa attività sono regolamentati nello stato di pratica dell'UE o del CEA, l'interessato deve fornire la prova di un esercizio professionale di almeno due anni a tempo pieno negli ultimi dieci anni.

Le qualifiche professionali della persona vengono verificate prima della fornitura del primo servizio. In caso di differenze sostanziali tra le qualifiche della persona e la formazione richiesta in Francia, il ricorrente può essere tenuto a dimostrare di aver acquisito le conoscenze e le competenze mancanti, anche attraverso compensazione (vedi sotto: "Buono a sapersi: misure retributive").

Autorità competente

La precedente dichiarazione di attività deve essere indirizzata, prima della prima rappresentazione, alla direzione regionale della coesione giovanile, sportiva e sociale (DRJSCS) della regione della Lore.

Rinnovo della pre-dichiarazione

La dichiarazione anticipata deve essere rinnovata una volta all'anno se il ricorrente desidera beneficiare di un nuovo beneficio in Francia.

Procedura

Il ministro responsabile per la salute decide dopo il parere del Comitato degli assistenti per l'assistenza all'infanzia della regione della Lore. Entro un mese dalla ricezione della dichiarazione, il Ministro informa l'individuo che può o non può iniziare la fornitura di servizi o che deve fornire la prova di aver acquisito le conoscenze e le competenze mancanti, anche attraverso misure di compensazione.

Il ministro può anche informare entro un mese dalla ricezione della dichiarazione della necessità di ulteriori informazioni. In questo caso, il ministro ha due mesi di tempo dalla ricezione di informazioni supplementari per informare l'interessato se può iniziare o meno la sua consegna di servizio.

In assenza di una risposta da parte del ministro responsabile per la salute entro il periodo di tempo specificato, l'erogazione del servizio può iniziare.

Consegna della ricevuta

Il ministro responsabile della sanità elenca il fornitore di assistenza sanitaria in una determinata lista e gli invia una ricevuta con il suo numero di registrazione. Il richiedente deve quindi informare l'agenzia nazionale competente per l'assicurazione del suo vantaggio inviando una copia di tale ricevuta.

Documenti di supporto

I documenti giustificativi da fornire sono:

  • il modulo di dichiarazione compilato, il cui modello è presentato come appendice all'ordinanza del 24 marzo 2010 che indica la composizione del fascicolo da fornire alle relative commissioni di licenza per la revisione delle domande presentate per l'anno fiscale Francia delle professioni di assistente infermieristico, assistente per l'infanzia e addetti alle ambulanze;
  • Fotocopia di un documento d'identità, integrato se necessario da un certificato di nazionalità;
  • Fotocopia del titolo di formazione (tradotto in francese da un traduttore certificato);
  • un certificato dell'autorità competente dello Stato di insediamento dell'UE o dello Stato di insediamento del CEA che certifica che la persona è legalmente stabilita in tale Stato e non comporta alcun divieto di esercitare (tradotto in francese da un traduttore certificato).

Costo

Gratuito

Per andare oltre Articoli L. 4392-4, R. 4392-5, R. 4331-12 a R. 4331-15 del Codice di Sanità Pubblica, ordine del 24 marzo 2010 sopra e ordine dell'11 agosto 2010 che nomina le commissioni regionali per notificare le dichiarazioni di fornitura gratuita di servizi per paramedici, assistenti infermieristici, assistenti di custodia dei bambini e paramedici.

b. Formalità per i cittadini dell'UE per un esercizio permanente (LE)

Chiedere il permesso di esercitarsi

Un cittadino di uno stato dell'UE o del CEA deve ottenere un'autorizzazione per poter lavorare permanentemente come assistente per l'assistenza all'infanzia sul territorio francese.

Autorità competente

La richiesta deve essere indirizzata al prefetto regionale del luogo di insediamento della persona. Il prefetto emette l'autorizzazione all'esercizio, previa richiesta della Commissione per gli assistenti all'infanzia.

Procedura

Il richiedente deve presentare la sua domanda in duplicata per lettera raccomandata con notifica di ricevimento accompagnata da un fascicolo completo alla Direzione regionale della gioventù, dello sport e della coesione sociale (DRJSCS) del luogo in cui desidera esercitarsi.

Tempo

Il prefetto regionale deve confermare la ricevuta entro un mese dalla ricezione della domanda accompagnata dal fascicolo completo. In caso di incompleto, il prefetto deve indicare i documenti mancanti e il lasso di tempo entro il quale devono essere comunicati a lui.

Se il prefetto rimane in silenzio per quattro mesi dopo la ricezione della domanda, la domanda di congedo è considerata respinta.

Documenti di supporto

I documenti giustificativi da fornire sono:

  • Il modulo di domanda di autorizzazione a praticare la professione, il cui modello è fornito come appendice all'ordine del 24 marzo 2010;
  • Una fotocopia di un documento d'identità valido
  • Una copia del titolo di formazione che consente di esercitare la professione nel paese di ottenimento;
  • Una copia dei diplomi supplementari, se necessario;
  • tutti i documenti utili che giustificano la formazione continua, l'esperienza e le competenze acquisite durante l'esperienza lavorativa in uno Stato dell'UE, nel SEE o in terzo Stato;
  • una dichiarazione dell'autorità competente dello Stato dell'UE o dello Establishment EEA, di meno di un anno, che attesta l'assenza di sanzioni;
  • Una copia dei certificati delle autorità che emanano il certificato di formazione che specifica il livello di formazione, i dettagli delle lezioni anno per anno e il contenuto e la durata degli stage svolti;
  • per coloro che hanno lavorato in uno Stato dell'UE o del BEE che non regola l'accesso o l'esercizio della professione, tutti i documenti che giustificano un esercizio in tale Stato per l'equivalente di due anni a tempo pieno negli ultimi dieci anni;
  • per le persone in possesso di un certificato di formazione rilasciato da un terzo Stato e riconosciuto in uno Stato dell'UE o del CEA, diverso dalla Francia, il riconoscimento del certificato di formazione stabilito dalle autorità statali dopo aver riconosciuto tale titolo.

Cosa sapere

Se necessario, i pezzi devono essere tradotti in francese da un traduttore certificato.

Rimedi

Se la domanda di congedo viene respinta, il richiedente può avviare:

  • un grazioso appello al prefetto regionale che ha preso la decisione entro due mesi dalla decisione (implicita o espressa) del rifiuto;
  • un appello gerarchico al ministro responsabile per la salute entro due mesi dalla decisione (implicita o espressa) del rifiuto;
  • un ricorso giuridico dinanzi al giudice amministrativo territorialmente competente entro due mesi dalla decisione (implicita o espressa) di rigetto.

Al fine di ottenere il permesso di esercitare, l'interessato può essere tenuto a sottoporsi a un test attitudinale o a un corso di adeguamento se risulta che le qualifiche professionali e l'esperienza che utilizza sono sostanzialmente diverse da quelli richiesti per la pratica della professione in Francia (vedi Infra "Buono a sapersi").

Buono a sapersi: misure di compensazione

Al fine di ottenere il permesso di esercitare, l'interessato può essere tenuto a sottoporsi a un test attitudinale o a un corso di adeguamento, se risulta che le qualifiche professionali e l'esperienza che utilizza sono sostanzialmente diverse. quelli richiesti per la pratica della professione in Francia.

Se le misure di compensazione sono ritenute necessarie, il prefetto regionale incaricato dell'emissione dell'autorizzazione di esercizio indica all'interessato che ha due mesi di tempo per scegliere tra il test attitudinale e il corso di adeguamento.

Il test attitudino

Il DRJSCS, che organizza i test attitudinali, deve convocare la persona per lettera raccomandata con avviso di ricevimento almeno un mese prima dell'inizio delle prove. Questa citazione menziona il giorno, l'ora e il luogo del processo.

La prova attitudinale può assumere la forma di domande scritte o orali annotate su 20 su ciascuno dei soggetti che non sono stati inizialmente insegnati o non acquisiti durante l'esperienza professionale.

L'ammissione è pronunciata a condizione che l'individuo abbia raggiunto una media minima di 10 su 20, con un punteggio non inferiore a 8 su 20. I risultati del test sono notificati alla persona interessata dal prefetto regionale.

In caso di esito positivo, il prefetto regionale autorizza l'interessato a esercitare la professione.

Il corso di adattamento

Viene svolto in una struttura sanitaria pubblica o privata approvata dall'agenzia sanitaria regionale (ARS). Il tirocinante è posto sotto la responsabilità pedagogica di un professionista qualificato che pratica la professione da almeno tre anni e che stabilisce una relazione di valutazione.

Lo stage, che alla fine comprende ulteriori corsi di formazione teorica, è convalidato dal capo della struttura di accoglienza su proposta del professionista qualificato che valuta il tirocinante.

I risultati dello stage sono informati alla persona interessata dal prefetto regionale.

La domanda di permesso di pratica viene quindi presentata dopo un ulteriore preavviso da parte della commissione infermieristica.

Per andare oltre Gli articoli L. 4392-2, R. 4392-1 e successivi si riferiscono agli articoli R. 4311-35 e R. 4311-36 del Codice di Sanità Pubblica e ordinati dal 24 marzo 2010.

c. Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'Unione europea o da parte dell'accordo DEL TESORo. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).
Procedura

Il cittadino deve completare un  modulo di reclamo online .

Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).
Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segreteria Generale per gli Affari Europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi, sito ufficiale ).