Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Podo-ortologo

1. Definizione dell'attività

Il podo-ortologo è un professionista della salute la cui attività consiste nella progettazione e nell'esecuzione di attrezzature ortopediche per persone con disabilità o con malattia o disabilità con un guasto al piede (amputazione, disabilità osteo-articolari, muscolari o neurologici).

Come tale, il professionista è responsabile per prendere la misurazione e le impronte digitali dei suoi pazienti, e quindi fare l'attrezzatura appropriata e personalizzata.

Per andare oltre Articolo L. 4364-1 del codice di sanità pubblica.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

Per svolgere l'attività di podo-ortologo, il professionista deve:

  • professionalmente qualificato (vedi infra "Formazione"). Per questo deve essere titolare:- un diploma, uno stato francese di podo-ortologo,
    • riconoscimento della sua competenza professionale da parte del Ministero della Salute, del Ministero dei Veterani e delle Vittime della Guerra o di un'agenzia di assicurazione sanitaria,
    • un certificato senior tecnico (BTS) di podo-ortesi;
  • registrare il suo diploma.

Per andare oltre Articolo L. 4364-1 del codice di sanità pubblica; Articolo 4 del decreto del 1 febbraio 2011 sulle professioni protesiche e ortistiche per il dispositivo delle persone con disabilità.

Formazione

Il BTS (Livello III (B.A. 2), il Certificato di Qualifica Professionale (CAP) (Livello V) e il Diploma Tecnico Podo-Ortologo (Livello IV (Bac) sono a disposizione del candidato:

  • dopo un corso di formazione sotto lo status di studente o studente;
  • Apprendistato
  • dopo un corso di formazione continua;
  • professionalizzato;
  • Per singola applicazione;
  • attraverso il processo di convalida dell'esperienza (VAE). Per ulteriori informazioni, è possibile Sito Il funzionario di VAE.

Costi associati alla qualifica

Il costo della formazione che porta alla professione di podo-ortologo è pagato, il suo costo varia a seconda del corso previsto. Si consiglia di avvicinarsi alle istituzioni interessate per ulteriori informazioni.

b. Cittadini dell'UE: per esercizi olfatto temporaneo e occasionale (Consegna gratuita dei servizi (LPS))

Qualsiasi cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea (UE) o di una parte di Stato dell'accordo sullo Spazio economico europeo (AEA), stabilito legalmente e impegnato nell'attività di podo-ortologo, può, su base temporanea e casuale, svolgere la stessa attività, Francia.

Qualora in tale Stato membro non sia disciplinato né l'accesso all'attività né il suo esercizio, il cittadino deve giustificare di aver svolto tale attività per almeno un anno negli ultimi dieci anni in uno o più Stati membri;

Prima della fornitura di servizi, il professionista è tenuto a fare una dichiarazione al prefetto regionale (vedi infra "5o. b. Predichiarazione per il cittadino per un esercizio temporaneo e casuale (LPS)").

Inoltre, il professionista deve giustificare la presenza delle competenze linguistiche necessarie per svolgere la sua attività.

Per andare oltre Articoli L. 4364-6 e L. 4364-7 del Codice di sanità pubblica.

c. Cittadini dell'UE: per un esercizio permanente (Free Establishment (LE))

Qualsiasi cittadino dell'UE o del CEA, legalmente istituito e impegnato nell'attività di podo-ortologo, può svolgere la stessa attività su base permanente in Francia.

Per questo, il professionista deve essere il titolare:

  • un certificato di formazione rilasciato da uno Stato membro che disciplina l'esercizio e l'accesso a tale professione;
  • qualora lo Stato membro non disciplina l'accesso o la pratica alla professione, un documento di formazione attesti di essere stato disposto a svolgere l'attività di podo-ortologo e un certificato che attesti di aver svolto tale attività durante il almeno un anno negli ultimi dieci anni;
  • un certificato di formazione rilasciato da un terzo Stato, ma riconosciuto da uno Stato membro diverso dalla Francia, che consente di svolgere questa attività, nonché una prova di esercizio di questa attività per almeno tre anni.

In caso di differenze sostanziali tra la formazione ricevuta dal professionista e quella necessaria per svolgere l'attività di podo-ortologo in Francia, il prefetto può decidere di sottoporlo a una misura di compensazione (cfr. infra "5o. c. Buono a sapersi: misure di compensazione").

Inoltre, il professionista deve giustificare la presenza delle competenze linguistiche necessarie per svolgere la sua attività.

Per andare oltre Articolo L. 4364-5 del Codice di sanità pubblica.

Tre gradi. Regole professionali

Rispetto della riservatezza professionale

Il podo-ortologo, come professionista sanitario, è vincolato dal segreto professionale.

Per andare oltre Articolo D. 4364-12 del codice di sanità pubblica.

Regole di buona prassi

Inoltre, il professionista è vincolato dalle regole delle buone pratiche che sono di responsabilità della sua professione.

In quanto tale, deve includere:

  • lavorare in locali attrezzati e adattati alle esigenze dell'esercizio della sua attività, e permettergli di ricevere i suoi pazienti in buone condizioni di isolamento (fonico e visivo);
  • mantenere e aggiornare un file per ciascuno dei suoi pazienti, comprese tutte le informazioni su di loro e una descrizione dei dispositivi necessari e dei possibili interventi.

Per andare oltre Articolo D. 4364-13 del codice di pubblica sanità; Articoli da 13 a 26 dell'ordine del 1 febbraio 2011 di cui sopra.

È uno di quattro gradi. Assicurazione

Il podo-ortologo, in qualità di professionista sanitario, è tenuto a prendere un'assicurazione di responsabilità civile professionale per i rischi che si sono sostenuti nel corso della sua attività.

Per andare oltre Articolo L. 1142-2 del codice di sanità pubblica.

Cinque gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

a. Procedere alla registrazione del diploma

Autorità competente

I candidati devono richiedere la registrazione all'Agenzia sanitaria regionale (ARS).

Documenti di supporto

A tal fine, deve trasmettere le seguenti informazioni, ritenute convalidate e certificate dall'organizzazione che ha emesso il diploma o il titolo di formazione:

  • lo status civile del titolare del diploma e tutti i dati per identificare il richiedente;
  • il nome e l'indirizzo dell'istituto che ha impartorito la formazione;
  • titolo della formazione.

Esito della procedura

Dopo aver controllato i reperti, l'LRA registra il diploma.

Si noti che

La registrazione è possibile solo per un reparto, tuttavia se il professionista vuole praticare in diversi reparti, egli sarà inserito nella lista del dipartimento in cui si trova il luogo principale della sua attività.

Costo

Gratuito.

Per andare oltre Articolo D. 4364-18 del codice di pubblica sanità; Articoli da D. da 4333-1 a D. 4333-6-1 del codice di sanità pubblica.

b. Pre-dichiarazione per il cittadino per un esercizio temporaneo e casuale (LPS)

Autorità competente

Il cittadino deve rivolgersi al prefetto della regione in cui desidera svolgere i suoi servizi.

Documenti di supporto

La sua domanda deve comprendere:

  • il modulo di dichiarazione allegato al calendario del decretato dal 19 febbraio 2010 Completato e firmato;
  • tutti i documenti giustificativi menzionati in questa forma.

Tempo e procedura

Il prefetto regionale informa il richiedente entro un mese dalla ricezione del suo fascicolo:

  • Che può iniziare la sua consegna di servizio;
  • Non può iniziare la sua consegna di servizio;
  • che deve essere soggetto a un controllo preventivo delle sue qualifiche professionali. Se necessario, qualora vi sia una differenza sostanziale tra la formazione ricevuta dal cittadino e quella richiesta per svolgere tale attività in Francia, il prefetto può decidere di sottoporlo a una misura di compensazione (cfr. infra "5o. c. Buono a sapersi: misure di compensazione").

In assenza di una risposta da parte del prefetto entro un mese, il cittadino può iniziare la sua consegna di servizio.

Si noti che

Il cittadino sarà inserito in un elenco specifico dal prefetto, che gli fornirà una ricevuta della sua dichiarazione che menziona il suo numero di registrazione.

Questa dichiarazione deve essere rinnovata annualmente alle stesse condizioni.

Per andare oltre Articoli R. 4364-11-3, da R. 4331-12 a R. 4331-15 e D. 4364-11-9 del Codice di sanità pubblica; dell'19 febbraio 2010 relativo alla dichiarazione preventiva della prestazione di servizi per la pratica dell'ortoproprost, del podo-orthetista, dell'oculare, dell'epitetore, dell'ortopedico-ortopedico.

c. Richiesta di autorizzazione dell'esercizio per il cittadino per un esercizio permanente (LE)

Autorità competente

Il cittadino deve presentare la sua domanda in duplicazione, per lettera raccomandata con preavviso, alla Commissione nazionale dei protesisti e degli orthotisti.

Documenti di supporto

La sua domanda deve includere modulo richiesta di autorizzazione completata e firmata.

Inoltre, deve fornire i seguenti documenti giustificativi, se presenti, con la loro traduzione certificata in francese:

  • Una fotocopia del suo documento d'identità valido
  • Una copia del suo titolo di formazione che consente l'esercizio dell'attività del podo-ortologo in tale Stato membro e, se necessario, dei suoi diplomi supplementari;
  • qualsiasi documentazione che giustifichi l'esperienza continua o lavorativa del richiedente;
  • Un certificato dello Stato membro che atdimenta che il richiedente non è soggetto ad alcuna sanzione;
  • Una copia dei certificati rilasciati dalle autorità che menzionano il livello di formazione del richiedente nonché i dettagli della formazione (volume orario, istruzioni seguite);
  • quando lo Stato non disciplina l'accesso alla professione o al suo esercizio, prova che è impegnato in questa attività da almeno due anni negli ultimi dieci anni;
  • quando il cittadino ha acquisito il suo titolo di formazione in un terzo Stato, ma riconosciuto da uno Stato membro, il riconoscimento del suo titolo di formazione.

Tempo e procedura

Il prefetto regionale riconosce la ricezione della richiesta entro un mese. Se la domanda non riceve risposta entro quattro mesi dalla ricezione della domanda, viene ritenuta negata.

Per andare oltre Articoli da R. da 4364-11 a R. 4364-11-2 del codice di salute pubblica; decreto del 20 gennaio 2010 che stabilisce la composizione del fascicolo da fornire alla commissione competente per l'autorizzazione per l'esame delle domande presentate per l'esercizio in Francia delle professioni di ortoprostettista, podo-ortologo, ocularista, epithisto, ortopedico-ortostheista.

Buono a sapersi: misure di compensazione

Qualora vi siano differenze sostanziali tra la formazione ricevuta dal professionista e quella necessaria per svolgere l'attività di podo-ortologo in Francia, l'autorità competente può decidere di sottoporla alla scelta, sia per uno stage di adattamento che per un test attitudino.

Il test attitudine deve essere completato entro sei mesi dalla notifica al richiedente. Il suo scopo è quello di verificare le conoscenze e le competenze del cittadino al fine di praticare in Francia. Lo scopo del corso di adattamento con un professionista qualificato è quello di consentire al cittadino di acquisire le conoscenze necessarie per svolgere questa attività.

Per andare oltre Articoli R. 4311-35 e R. 4311-36 del codice di salute pubblica; decreto del 24 marzo 2010 che stabilisce le modalità di organizzazione del test attitudine e il corso di adattamento per la pratica in Francia delle professioni di ortoprotesista, podo-ortologo, ocularista, epitetore, orthetetico-orthetista degli Stati europei o di un accordo sullo Spazio economico europeo.

d. Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'Unione europea o da parte dell'accordo DEL TESORo. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve compilare un modulo di reclamo online. Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segreteria Generale per gli Affari Europei, 68 rue de Bellechasse, 75700, Parigi, sito ufficiale .