Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Operatore di un impianto di formazione per il funzionamento degli imbarci

Ultimo aggiornamento: : 2020-04-15 17:22:16

1. Definizione dell'attività

L'operatore di una struttura di formazione per operatori di barche è responsabile della gestione amministrativa, legale e fiscale dello stabilimento.

Recluta anche formatori e coordina il lavoro delle squadre.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

Per gestire un istituto di formazione per la nautica, il professionista deve aver ottenuto un accreditamento dal prefetto del luogo in cui desidera svolgere la sua attività.

L'accreditamento è riservato a tutte le parti interessate che giustifichino:

  • avere almeno 18 anni
  • non essere stato condannato a una pena penitenziale o penale;
  • essere certificato come autista di barca o nominare un ufficiale di formazione;
  • detento un diploma di Stato o un diploma di istruzione superiore o di tecnologia certificato al livello III o superiore al livello III (B.A. 2), o un diploma rilasciato all'estero a un livello comparabile.

Per andare oltre Articolo L. 5272-2 del codice di trasporto; Articoli 22 e 23 del decreto n. 2007-1167 del 2 agosto 2007 sulle patenti di guida e l'addestramento al motoscafo.

Formazione

Una persona che desidera gestire una struttura di formazione per la nautica deve almeno aver ricevuto una formazione legale, economica, contabile o commerciale sanzionata da uno dei diplomi di livello III. Egli può anche aver ricevuto una formazione accreditata nella gestione e nell'esercizio delle strutture di formazione dei condotti.

Costi associati alla qualifica

La formazione che porta all'attività di gestore di tale istituzione è retribuita e il suo costo varia a seconda del corso previsto. Per ulteriori informazioni, si consiglia di avvicinarsi agli stabilimenti che lo escono.

b. Cittadini dell'UE o del CEE: per esercizio temporaneo e occasionale (Consegna gratuita dei servizi)

Non esistono norme per un cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea (UE) o di una parte dello Spazio economico europeo (AEA) che desidera esercitare la professione di gestore di un istituto di formazione per lo svolgimento di un barca in Francia, su base temporanea o casuale.

Pertanto, solo le misure adottate per la libera istituzione di cittadini dell'UE o del SEE (cfr. infra "5o. Si troveranno in grado di presentare le misure e le procedure per il riconoscimento della qualifica.

c. Cittadini dell'UE o del CEE: per un esercizio permanente (Free Establishment)

L'UE o il cittadino del POE, che ha legalmente sede in tale Stato membro e che gestisce un impianto di formazione per la nautica, può, a tempo indeterminato, svolgere la stessa attività in Francia da quel momento in poi:

  • che egli detiene un certificato di competenza o un certificato di formazione necessario per svolgere questa attività in uno stato che regola la professione ed è rilasciato da un'autorità competente o riconosciuta;
  • giustifica l'essere stato al lavoro per almeno un anno a tempo pieno o a tempo parziale per un periodo di tempo equivalente negli ultimi dieci anni, quando lo Stato non regola la professione o la formazione;
  • che giustifica un titolo di formazione che consente la professione di gestore di istituti di formazione per nautici acquisito in un paese terzo e riconosciuto come equivalente in uno Stato dell'UE o del BEE, e che giustifica il suo esercizio per tre anni in quello stato.

Se il cittadino di uno Stato dell'UE o del SEE soddisfa una di queste condizioni, dovrà richiedere l'approvazione del prefetto del luogo in cui desidera svolgere la sua attività (vedi sotto "5o). a. Chiedere l'approvazione prefetturale per i cittadini dell'UE o del CEA per l'esercizio permanente (LE) ").

In caso di differenze sostanziali tra la qualifica professionale del cittadino e la formazione richiesta in Francia, l'autorità competente può richiedere che la persona interessata sottoponga a una misura di compensazione (cfr. infra "5o. a. Buono a sapersi: misure di compensazione").

Per andare oltre Articolo 23 del decreto n. 2007-1167 del 2 agosto 2007 sulle patenti di guida e la formazione delle imbarcazioni da diporto.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

L'interessato che desidera gestire un istituto di formazione per il funzionamento di una barca deve rispettare le condizioni d'onore e, in particolare, non essere l'autore dei reati:

  • danno alla persona umana;
  • danni materiali (furto, estorsione, frode, ricezione, ecc.);
  • uso di droghe;
  • lavoro occulto, prestitio o fornitura illegalmente di manodopera.

Per andare oltre : allegato al decreto n. 2007-1167 del 2 agosto 2007 relativo alla patente di guida e all'addestramento alla barca da diporto del motore.

È uno di quattro gradi. Assicurazione

Per gestire un impianto di formazione per il funzionamento della barca, il professionista deve usuperare un'assicurazione responsabilità civile professionale.

Inoltre, è obbligata a stipulare tale assicurazione per i suoi dipendenti, per gli atti svolti durante la loro attività professionale.

Cinque gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

a. Chiedere l'approvazione prefetturale per i cittadini dell'UE o del CEA per l'esercizio permanente (LE)

Documenti di supporto

La domanda di accreditamento viene presentata inviando un file al servizio dell'istruttore, inclusi i seguenti documenti giustificativi:

  • Il modulo Cerfa 14677*01 , riempito, datato e firmato;
  • dove il cittadino non è stato autorizzato a insegnare nautica:- Una copia di un documento d'identità valido,
    • Un certificato di competenza o di formazione rilasciato dall'UE o dallo Stato del
    • un certificato di competenza o un documento di formazione che giustifica che il cittadino è stato in attività per almeno un anno negli ultimi dieci anni, in uno stato che non regola la formazione o il suo esercizio,
    • Una dichiarazione scritta che identifica il responsabile della formazione;
  • Dove il cittadino è anche un formatore, una fotocopia dell'autorizzazione all'insegnamento;
  • Per quanto riguarda lo stabilimento:- Una copia della stampa Kbis o una voce di entrata o camera di commercio estratto di meno di un anno di età,
    • per le associazioni, una fotocopia della dichiarazione dell'associazione nella prefettura e una fotocopia dei suoi statuti,
    • prova dell'occupazione dei locali dello stabilimento,
    • Una copia del titolo di navigazione della nave da addestramento o delle imbarcazioni utilizzate (copia del contratto di locazione della barca o delle imbarcazioni se non sono di proprietà dello stabilimento),
    • la descrizione del corpo d'acqua utilizzato per la formazione pratica e la sua materializzazione su una mappa marina o fluviale,
    • Una fotocopia dei permessi di insegnamento della scuola e la giustificazione del loro rapporto sociale o subordinato con l'istituzione.

Rinnovo

L'accreditamento viene rilasciato per un periodo di cinque anni. Tuttavia, prima della scadenza, l'operatore dovrà richiedere il rinnovo fornendo le seguenti parti:

  • Una copia dell'approvazione in scadenza
  • Le parti richieste per l'approvazione, quando cambiano la situazione dell'operatore;
  • qualsiasi documentazione che giustifichi l'onorabilità dell'operatore.

Buono a sapersi: misure di compensazione

Il prefetto può sottoporre il cittadino a una misura di compensazione (prova di alloggio o attitudine) in cui vi siano differenze sostanziali tra la qualifica professionale e la formazione ricevuta dal cittadino e quelli richiesto in Francia.

Il corso di adattamento, la cui durata è fissata dal prefetto, deve essere svolto in un istituto accreditato. Il cittadino dovrà dargli il certificato di tirocinio e la relazione scritta dal capo dell'istituzione approvata e riguardante le sue capacità di gestione.

Il test attitudine è stato superato da due rappresentanti del servizio di istruttore e da due dirigenti scolastici certificati. Durante il colloquio, il consiglio di amministrazione sarà invitato a valutare la propria conoscenza dei regolamenti e delle procedure amministrative relative alla licenza ricreativa.

Per andare oltre Gli articoli da 7 a 11 dell'ordine del 28 settembre 2007 sulle patenti di guida per autoveicoli, la certificazione degli istituti di formazione e il rilascio di permessi di insegnamento.

b. Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL SEA. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve completare un modulo di reclamo online .

Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi ( sito ufficiale ).