Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Secondo capitano dei pescherecci

1. Definizione dell'attività

Il secondo padrone dei pescherecci è un ufficiale incaricato di assistere e assistere il padrone per l'orologio assegnatogli. È responsabile del servizio di bridge, che comprende ufficiali, il maestro dell'equipaggio e i marinai, così come il servizio generale.

Tra queste molte missioni, il secondo capitano è responsabile di:

  • sorvegliare o azionare la nave durante l'avvicinamento pilota, la partenza o l'assistenza marittima;
  • Organizzare il lavoro al servizio ponte;
  • Pianificare le operazioni di manutenzione
  • controllare le attrezzature di sicurezza.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

La professione di secondo padrone di pescherecci è riservata al titolare del certificato del secondo padrone, soddisfacendo tutte le seguenti condizioni:

  • Avere almeno 20 anni il giorno in cui viene depositata la domanda di brevetto
  • Tenere un certificato di idoneità medica
  • hanno acquisito un livello sufficiente di competenze linguistiche e conoscenze giuridiche;
  • Avere le qualifiche professionali necessarie
  • hanno completato almeno 12 mesi di servizio in mare come ufficiale di guardia di ponte.

Si noti che

Il secondo certificato di capitano è valido per un periodo di cinque anni e deve essere rinnovato secondo le regole del decreto del 24 luglio 2013 riconvalida dei titoli di formazione professionale marittima.

Per andare oltre Articolo L. 5521-3 del Codice di trasporto.

Formazione

Per soddisfare il requisito delle qualifiche professionali, il candidato per il secondo certificato di capitano deve essere titolare:

  • uno dei seguenti brevetti validi:- certificato come un ufficiale di sorveglianza di ponte,
    • in qualità di ufficiale incaricato dell'orologio marittimo,
    • brevetto indicato nella tabella 3 dell'Ordine del 18 aprile 2016;
  • uno dei seguenti gradi validi:- Diploma di capitano,
    • laureato della marina mercantile,
    • diploma o certificato menzionato nella tabella 4 dell'ordine del 18 aprile 2016;
  • Certificato di formazione di base sulla sicurezza (CFBS);
  • Certificato di qualificazione avanzato alla lotta antincendio (CQALI);
  • Certificato di idoneità al funzionamento di scialuppe di salvataggio e salvavita (CAEERS);
  • Certificato che certifica la convalida della formazione medica di livello III (EM III);
  • General Operator Certificate (CGO).

Per andare oltre Articoli 10 e seguenti del decreto del 18 aprile 2016 brevetto del secondo capitano e certificato del capitano.

Forma fisica

L'accesso alla professione di secondo insegnante sui pescherecci è soggetto ai requisiti minimi di idoneità che vengono valutati durante le visite mediche richieste:

  • prima dell'accesso alla professione di secondo capitano;
  • Prima del primo imbarco;
  • prima di entrare nella formazione marittima;
  • prima della scadenza del certificato di idoneità medica, la cui durata varia in base all'età dell'ufficiale.

Al termine dell'esame medico, il medico può decidere che il secondo capitano è in forma e sarà dato un certificato di idoneità.

D'altra parte, quando la decisione del medico indica un'idoneità parziale, un'incapacità temporanea o un'incapacità totale, egli può contestarla con la Commissione medica regionale per l'attitudine alla navigazione (CMRA).

Per andare oltre : decreto del 3 dicembre 2015 salute e l'idoneità medica per navigare.

Controllo della lingua e delle conoscenze giuridiche

Per esercitarsi come secondo capitano, la persona deve avere conoscenza delle questioni francesi e legali. Per giustificarli, dovrà fornire:

  • un diploma di istruzione secondaria o superiore francese o un certificato di meno di un anno che attesta un master B2. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla Quadro europeo comune per le lingue  ;
  • qualsiasi diploma di istruzione superiore francese che sancisca la formazione specifica o l'insegnamento relativo ai poteri e alle prerogative del potere pubblico conferite al capitano di una nave becco francese.

Se il secondo capitano non dispone di nessuno di questi documenti, dovrà sottoporsi a una prova scritta in francese e a un colloquio davanti a una commissione di valutazione nazionale. La prova scritta e l'intervista testeranno se la persona ha le conoscenze giuridiche necessarie per la posizione e per valutare la sua capacità di comunicare in un contesto professionale, nonché di scrivere in lingua francese.

Per andare oltre Articoli 3 e seguenti del decreto del 2 giugno 2015

b. Cittadini dell'UE o del CEE: per esercizi olfatto temporaneo e occasionale (Servizio gratuito)

Uno Stato nazionale dell'Unione europea (UE) o dello Spazio economico europeo (AEA), che agisce legalmente come secondo capitano sui pescherecci di uno di questi Stati, può avvalere temporaneamente del suo titolo professionale in Francia. o casual.

Dovrà richiederlo, prima della sua prima esibizione, per dichiarazione indirizzata al direttore interregionale del mare competente della regione amministrativa in cui è identificato (vedi infra "4o. a. Fare una dichiarazione preventiva di attività per i cittadini dell'UE o del SEA impegnati in attività temporanee e occasionali (LPS)").

Qualora né l'attività né la formazione che conduce a tale attività siano regolamentate nello Stato in cui è legalmente istituita, il professionista dovrà giustificare l'averla svolta in uno o più Stati membri per almeno un anno, nei dieci paesi, nel anni prima della performance.

Vale a dire: l'esercizio del secondo capitano in Francia, su base temporanea o casuale, richiede che il cittadino possieda tutte le competenze linguistiche necessarie.

Se vi sono differenze sostanziali tra la formazione del nazionale e quella richiesta in Francia, o quando l'interessato non ha acquisito tutte le competenze necessarie per esercitare in un peschereccio bilbato francese, compensazione può essere presa (vedi infra "4o. a. Buono a sapersi: misura retributiva").

Per andare oltre Articoli 20 dell'anno decreto del 24 giugno 2015 e 8 dei decretato a partire dall'8 febbraio 2010 .

c. Cittadini dell'UE o del CEE: per un esercizio permanente (Free Establishment)

Un cittadino di uno Stato dell'UE o del CEA può stabilirsi in Francia per praticare in modo permanente se:

  • detiene il titolo di un'autorità competente di un altro Stato membro, che disciplina l'accesso alla professione o al suo esercizio;
  • Il titolo presentato ha il suo equivalente esatto in Francia;
  • ha lavorato a tempo pieno o a tempo parziale per un anno negli ultimi dieci anni in un altro Stato membro che non disciplina la formazione o la pratica della professione.

Una volta che soddisfa una delle tre condizioni precedenti, dovrà richiedere un certificato di riconoscimento da parte del competente direttore interregionale del mare (vedi infra "4o. b. Ottenere un certificato di riconoscimento per i cittadini dell'UE o del CEE per un esercizio permanente (LE)).

Se, nell'esaminare il fascicolo, il direttore interregionale del mare rileva che vi sono differenze sostanziali tra la formazione professionale e l'esperienza del cittadino e quelle necessarie per operare su una nave segnalata misure di compensazione (cfr. infra "4o. b. Buono a sapersi: misura retributiva"

Per andare oltre Articoli da 4 a 5 dell'ordine dell'8 febbraio 2010.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

L'interessato deve rispettare le condizioni morali e non essere stato condannato per una pena penitenziaria o penale.

A tal modo, dovrà presentare un estratto della sua fedina penale di meno di tre mesi o un certificato di meno di tre mesi, dello Stato dell'UE o del CEA, certificando queste condizioni.

Per andare oltre Articolo L. 5521-4 del Codice di trasporto.

È uno di quattro gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

a. Effettuare una predichiarazione dell'attività per i cittadini dell'UE o del TESORo impegnati in attività temporanee e occasionali (LPS)

Autorità competente

Il direttore interregionale del mare nella regione amministrativa in cui il secondo maestro desidera effettuare le prestazioni o in cui si trova il porto d'armamento del peschereccio, è competente a decidere sulla dichiarazione. Riconoscerà la ricezione della domanda entro un mese dalla ricezione del file.

Rinnovo della pre-dichiarazione

La dichiarazione deve essere rinnovata una volta all'anno e in caso di cambiamento della situazione nazionale.

Documenti di supporto

Al fine di esercitare la professione di secondo padrone su un peschereccio, il cittadino invia un fascicolo all'autorità competente contenente i seguenti documenti giustificativi:

  • Una dichiarazione scritta firmata dal cittadino;
  • Un documento d'identità valido per il cittadino;
  • un certificato dello Stato dell'UE o dell'autorità competente del BEE che attendo che il cittadino è legalmente stabilito in tale Stato e non comporta alcun divieto di pratica;
  • Un certificato che giustifica le qualifiche professionali del cittadino;
  • un certificato che giustifica la sua attività per almeno due anni negli ultimi dieci anni, quando né la formazione né la pratica della professione sono regolamentate nello Stato membro;
  • Un certificato che giustifica il soddisfacimento delle condizioni morali;
  • Un certificato di idoneità fisica per navigare
  • un certificato di padronanza delle competenze linguistiche.

Tempo

Il servizio può iniziare finché non vi è opposizione da parte della Direzione Interregionale del Mare:

  • la scadenza di un periodo di un mese dalla richiesta di dichiarazione;
  • in caso di richiesta di ulteriori informazioni o verifica delle qualifiche professionali, al termine di un periodo di due mesi dalla ricezione della domanda completa.

Si noti che

In caso di richiesta di accesso parziale alla professione, il cittadino dovrà adottare le stesse misure per l'esercizio dell'attività su base temporanea o casuale sul territorio francese.

Buono a sapersi: misura retributiva

Al fine di ottenere il permesso di esercitare, l'interessato può essere tenuto a sottoporsi a un test attitudinale se risulta che le qualifiche e l'esperienza lavorativa che utilizza sono sostanzialmente diverse da quelle richieste per praticando la professione in Francia.

Il test attitudinale deve stabilire che le conoscenze e le qualifiche pertinenti siano padroneggiate.

Costo

Gratuito.

Per andare oltre Articoli da 7-2 a 10 dell'ordine dell'8 febbraio 2010.

b. Ottenere un certificato di riconoscimento per i cittadini dell'UE o del CEE per un esercizio permanente (LE)

Autorità competente

Il direttore interregionale del mare, seduto nella regione amministrativa del porto d'armamento del peschereccio, è competente a rilasciare il certificato di riconoscimento che autorizza l'esercizio permanente del secondo capitano in Francia.

Procedura

La richiesta di un certificato di riconoscimento è indirizzata con qualsiasi mezzo all'autorità competente della regione amministrativa in cui intende stabilirsi. In caso di mancata mancata permanente, l'autorità competente ha un mese dalla ricezione del fascicolo, per informare il cittadino.

Documenti di supporto

Per esercitarsi come secondo capitano in Francia su base permanente, l'interessato deve produrre un fascicolo completo contenente:

  • Il modulo Cerfa n. 14750 Debitamente completato e firmato;
  • Un documento d'identità valido
  • un certificato di esperienza professionale rilasciato dall'autorità competente dello Stato membro, quando la professione non è regolamentata in tale Stato;
  • quando richiesto dall'autorità competente, se necessario, il programma di formazione che ha portato all'emissione del titolo;
  • Un certificato che giustifica il soddisfacimento delle condizioni morali;
  • Un certificato di idoneità fisica per navigare
  • un certificato di padronanza delle competenze linguistiche.

Cosa sapere

Se necessario, i pezzi devono essere tradotti in francese da un traduttore certificato.

Esito della procedura

L'autorità competente ha un mese di tempo per decidere la domanda di certificazione, non appena viene ricevuto il file completo.

Qualsiasi decisione, che si tratti di accettazione, rifiuto o res risarcimento, deve essere giustificata.

Il silenzio mantenuto al termine di un periodo di due mesi varrà la decisione di respingere la domanda di riconoscimento.

Se la decisione viene accettata, l'autorità competente rilascia il certificato di riconoscimento, che ha un periodo di convalida di cinque anni.

Buono a sapersi: misure di compensazione

Al fine di svolgere la sua attività in Francia o di entrare nella professione, il cittadino può essere tenuto a sottoporsi alla misura di compensazione di sua scelta, sia un corso di adeguamento o un test attitudinale, effettuato entro sei mesi dalla decisione di autorità competente.

Costo

Gratuito.

Per andare oltre Articoli da 2 a 5-2 dell'ordine dell'8 febbraio 2010.

c. Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'UE o parte dell'accordo DEL SEA. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve completare un modulo di reclamo online .

Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700, Parigi ( sito ufficiale ).