Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Animatore di sport motoristici

1. Definizione dell'attività

Il facilitatore degli sport motoristici conduce un progetto di animazione, avvio o preparazione per la guida di automobili, moto e go-kart con tutti i tipi di pubblico (tempo libero e concorrenza). Interviene utilizzando veicoli in spazi chiusi, come circuito (terra, asfalto, ghiaccio) o su terreni sicuri. Ha imparato le basi e gli standard tecnici, nonché le regole di sicurezza applicabili alla pratica del volo. Ha anche le conoscenze necessarie per mantenere e mantenere i veicoli e le attrezzature associate.

Per andare oltre : Appendice I del decreto del 22 agosto 2003 che stabilisce la specialità "motorsport" del certificato professionale della gioventù, dell'istruzione popolare e dello sport.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

L'attività di motorsport facilitatore è regolata dagli articoli L. 212-1 e seguendo il Codice di Sport che richiedono certificazioni tra cui la Gioventù Professionale, l'Educazione Popolare e lo Sport (BPJEPS) o Certificato di qualifica professionale (CQP).

Come insegnante di sport, il facilitatore sportivo deve avere un diploma, un titolo professionale o un certificato di qualificazione:

I diplomi stranieri possono essere ammessi in equivalenza ai diplomi francesi dal ministro responsabile dello sport, dopo il parere della Commissione per il riconoscimento delle qualifiche posto al ministro.

Per andare oltre Articoli L. 212-1, R. 212-84 e D. 212-11 e seguenti del codice sportivo.

Formazione

Per esercitarsi come facilitatore sportivo, il candidato deve tenere la specialità PJEPS "motorsport", un diploma di livello IV (laurea di primo livello) o il CQP "iniziatore nel motociclismo".

La specialità "motorsport" BPJEPS ha cinque menzioni, a scelta del candidato:

  • Circuito;
  • karting;
  • Sviluppo tecnico nel volo;
  • Rally;
  • Terreno.

IL BPJEPS e il CQP possono essere ottenuti attraverso la formazione professionale continua, l'apprendimento o la convalida dell'esperienza (VAE). Per ulteriori informazioni, è possibile sito ufficiale Vae.

Condizioni per l'accesso alla formazione che porta alla specialità "motorsport" PJEPS

L'interessato deve:

  • Essere in possesso di un certificato medico non contraddittorio alla pratica delle attività motoristiche, risalente a meno di tre mesi dall'inizio della formazione;
  • Avere un certificato di formazione di primo soccorso (AFPS o PSC1)
  • Essere minorenni
  • Detenere una patente di guida di classe B
  • comunicare un certificato di successo ai requisiti precedenti relativi allo studio personale del candidato rilasciato dal Direttore Tecnico Nazionale della Federazione Motor Sport francese o da un esperto nominato dal Direttore Regionale del giovani, sport e attività ricreative. Il contenuto di questi requisiti varia a seconda della menzione scelta:- per tutte le menzioni: effettuare un corso di prova di guida con un veicolo passeggeri su un terreno sicuro in condizioni fisse,
    • per la menzione "circuito o karting": eseguire una serie di giri con una monoposto o un go-kart,
    • per la menzione "rally": giustificare la partecipazione a tre eventi ufficiali nella competizione rally come pilota o co-pilota,
    • per la parola "off-road": per completare un percorso tecnico con un veicolo fuoristrada con ostacoli di attraversamento.

Per maggiori dettagli sullo svolgimento e sul contenuto dei test per monitorare i requisiti di pre-registrazione per la formazione della specialità "motorsport" BPJEPS, si consiglia di fare riferimento all'istruzione ministeriale del 25 luglio 2006 No. 06-128 JS.

In determinate condizioni, è possibile ottenere esenzioni per determinati eventi. Per ulteriori informazioni, si consiglia di fare riferimento all'ordine del 27 agosto 2003.

La formazione è di solito fatta alternativamente e dura tra i sette ei dodici mesi.

Per andare oltre : decreto del 22 agosto 2003 che stabilisce la specialità "motorsport" del brevetto professionale della gioventù, dell'istruzione popolare e dello sport e dei suoi allegati e istruzione ministeriale del 25 luglio 2006 n.06-128 JS.

Condizioni per l'accesso alla formazione che porta al CQP "iniziatore nel motociclismo"

L'interessato deve:

  • Essere minorenni
  • hanno un certificato medico non contraddittorio alla pratica delle attività motociclistiche, risalente a meno di tre mesi fa all'inizio della formazione;
  • Avere un certificato di formazione di primo soccorso (AFPS o PSC1)
  • superare gli esami di ammissione di formazione.

L'allenamento presso il CQP "iniziatore in motociclismo" dura circa 305 ore di cui 245 ore al centro e 60 ore in una situazione professionale.

Il titolare del CQP "iniziatore in motociclismo" è pagato per supervisionare per la scoperta e l'avvio e fino alla completa padronanza di un veicolo a terra motorizzato con manubrio (moto o quad). Può allenarsi solo entro 360 ore all'anno.

Non può sorvegliare i professionisti sulle corsie del traffico pubblico o in un contesto di pratica concorrenziale.

Per andare oltre : elenco nazionale delle certificazioni professionali CQP "iniziatore nel motociclismo").

Costi associati alla qualifica

Gli allenamenti che portano alla specialità bpJEPS "motorsport" o il CQP "iniziatore in motociclismo" sono pagati. I loro costi vanno da circa 13.000 a 18.000 euro per il BPJEPS e 700 euro per il CQP. Per  maggiori dettagli] (%5bhttp://foromes.calendrier.sports.gouv.fr/#/formation ), si consiglia di avvicinarsi al centro di formazione in questione.

b. Cittadini dell'UE: per esercizi olfatto temporaneo e occasionale (Consegna gratuita dei servizi)

Cittadini dell'Unione europea (UE)Spazio economico europeo (AEA) stabilita legalmente in uno di questi Stati può svolgere la stessa attività in Francia temporaneamente e occasionalmente a condizione che abbia inviato una precedente dichiarazione di attività al prefetto del dipartimento della consegna.

Se l'attività o la formazione che vi conduce non è regolamentata nello Stato membro di origine o nello stato del luogo di stabilimento, il cittadino deve anche giustificare l'aver svolto tale attività per almeno l'equivalente di due anni a tempo pieno nel negli ultimi dieci anni prima del beneficio.

I cittadini europei che desiderano esercitare in Francia in modo temporaneo o occasionale devono disporre delle competenze linguistiche necessarie per svolgere l'attività in Francia, in particolare al fine di garantire la sicurezza delle attività e la sua capacità di allertare i servizi di emergenza.

Per andare oltre Articoli Da L. 212-7 e Da R. 212-92 a R. 212-94 del Codice dello Sport.

c. Cittadini dell'UE: per un esercizio permanente (Free Establishment)

Un cittadino di uno Stato dell'UE o del SEE può stabilirsi in Francia per praticare in modo permanente, se soddisfa una delle seguenti quattro condizioni:

Se lo Stato membro d'origine disciplina l'accesso o l'esercizio dell'attività:

  • detenere un certificato di competenza o un certificato di formazione rilasciato dall'autorità competente di uno Stato dell'UE o del CEA che certifica un livello di qualificazione almeno equivalente al livello immediatamente inferiore a quello richiesto in Francia;
  • essere titolare di un titolo acquisito in un terzo Stato e ammesso in equivalenza a uno Stato dell'UE o del CEA e giustificare l'aver svolto questa attività per almeno due anni a tempo pieno in tale Stato.

Se lo Stato membro d'origine non disciplina l'accesso o l'esercizio dell'attività:

  • giustificare essere stato attivo in uno Stato dell'UE o del SEA, a tempo pieno per almeno due anni negli ultimi dieci anni, o, in caso di esercizio a tempo parziale, giustificando un'attività di durata equivalente e tenendo un certificato l'autorità competente di uno di questi Stati, che attesta una disponibilità per l'esercizio dell'attività, nonché un livello di qualificazione almeno equivalente al livello immediatamente inferiore a quello richiesto in Francia;
  • essere il titolare di un certificato di qualificazione almeno equivalente al livello immediatamente inferiore a quello richiesto in Francia, rilasciato dall'autorità competente di uno Stato dell'UE o del CEA e sanzionare la formazione regolamentata in particolare l'esercizio di tutte o parte delle attività menzionate nell'articolo L. 212-1 del Codice dello Sport, costituito da un ciclo di studi integrato, se necessario, dalla formazione professionale, dal tirocinio o dalla pratica professionale.

Se il cittadino soddisfa una delle quattro condizioni di cui sopra, il requisito di qualificazione richiesto per esercitare è considerato soddisfatto.

Tuttavia, se le qualifiche professionali del cittadino differiscono sostanzialmente dalle qualifiche richieste in Francia che non garantirebbero la sicurezza dei professionisti e dei terzi, egli può essere tenuto a presentare un test attitudinale o il completamento di un corso di aggiustamento (vedi sotto "Buono a saper sapere: misure di compensazione").

Il cittadino deve avere la conoscenza della lingua francese necessaria per svolgere la sua attività in Francia, in particolare al fine di garantire la sicurezza delle attività fisiche e sportive e la sua capacità di allertare i servizi di emergenza.

Per andare oltre Articoli Da L. 212-7 e R. 212-88 a R. 212-90 del Codice dello Sport.

Tre gradi. Condizioni di onorabilità

È vietato praticare come facilitatore di sport motoristici in Francia per le persone che sono state condannate per qualsiasi reato o per uno qualsiasi dei seguenti reati:

  • tortura e atti di barbarie;
  • Assalti sessuali;
  • traffico di droga;
  • Mettere in pericolo gli altri;
  • pimping e i reati che ne derivano;
  • minacciare i minori;
  • uso illecito di sostanze o piante classificate come narcotici o provocazioni all'uso illecito di stupefacenti;
  • violazioni degli articoli da L. 235-25 a L. 235-28 del Codice dello Sport;
  • come punizione complementare a un reato fiscale: divieto temporaneo di esercitare, direttamente o per persona interposto, per conto proprio, di qualsiasi professione industriale, commerciale o liberale ( sezione 1750 del codice tributario generale).

Inoltre, nessuno può insegnare, facilitare o supervisionare un'attività fisica o sportiva con minori, se è stato oggetto di una misura amministrativa che gli vieta di partecipare, in qualsiasi veste, alla gestione e alla supervisione degli istituti e gli organismi legislativi o di regolamenti relativi alla protezione dei minori in un centro vacanze e di svago, nonché ai gruppi giovanili, o se è stato oggetto di una misura amministrativa per sospendere tali le stesse funzioni.

Per andare oltre Articolo L. 212-9 del Codice dello Sport.

È uno di quattro gradi. Requisito di segnalazione (ai fini dell'ottenimento della tessera di educatore sportivo professionale)

Chiunque desideri praticare una qualsiasi delle professioni disciplinate dall'articolo L. 212-1 del Codice dello Sport deve dichiarare la sua attività al prefetto del dipartimento del luogo in cui intende esercitarsi come principale. Questa dichiarazione attiva l'ottenimento di un biglietto da visita.

La dichiarazione deve essere rinnovata ogni cinque anni.

Autorità competente

La dichiarazione deve essere indirizzata alla Direzione dipartimentale della coesione sociale (DDCS) o alla direzione dipartimentale per la coesione sociale e la protezione della popolazione (DDCSPP) del dipartimento di pratica o dell'esercizio principale, o direttamente in linea sul  sito ufficiale .

Tempo

Entro un mese dalla presentazione del fascicolo di dichiarazione, la prefettura invia un riconoscimento al dichiarante. Il biglietto da visita, valido per cinque anni, viene quindi indirizzato al dichiarante.

Documenti di supporto

I documenti giustificativi da fornire sono:

  • Cerfa 12699*02 ;
  • Una copia di un ID valido
  • Un documento d'identità con foto
  • Una dichiarazione sull'onore che attesta l'esattezza delle informazioni nella forma;
  • Una copia di ciascuno dei diplomi, titoli, certificati invocati;
  • Una copia dell'autorizzazione alla pratica o, se necessario, l'equivalenza del diploma;
  • un certificato medico non contraddittorio alla pratica e alla supervisione delle attività fisiche o sportive in questione, meno di un anno.

Se hai un rinnovo del reso, contatta:

  • Modulo Cerfa 12699*02 ;
  • Un documento d'identità con foto
  • Una copia del certificato di revisione valido per le qualifiche soggette al requisito di riciclaggio;
  • un certificato medico non contraddittorio alla pratica e alla supervisione delle attività fisiche o sportive in questione, meno di un anno.

Inoltre, in tutti i casi, la prefettura chiederà il rilascio di un estratto di meno di tre mesi dalla fedina penale del dichiarante per verificare che non vi sia alcuna disabilità o divieto di pratica.

Costo

Gratuito.

Per andare oltre Articoli L. 212-11, R. 212-85 e A. 212-176 a 212-178 del Codice dello Sport.

Cinque gradi. Processo di riconoscimento delle qualifiche e formalità

a. Fare una dichiarazione preventiva dell'attività per i cittadini dell'UE impegnati in attività temporanee e occasionali (LPS)

I cittadini dell'UE o del SEA stabiliti legalmente in uno di questi Stati che desiderano esercitare in Francia su base temporanea o occasionale devono fare una dichiarazione preventiva di attività prima della prima prestazione di servizi.

Se il ricorrente desidera trarne un nuovo vantaggio in Francia, questa dichiarazione preventiva deve essere rinnovata.

Al fine di evitare gravi danni alla sicurezza dei beneficiari, il prefetto può, durante il primo beneficio, effettuare un controllo preliminare delle qualifiche professionali del richiedente.

Autorità competente

La precedente dichiarazione di attività deve essere indirizzata alla Direzione dipartimentale responsabile della coesione sociale (DDCS) o alla Direzione dipartimentale responsabile della coesione sociale e della protezione della popolazione (DDCSPP) del dipartimento in cui dichiarante vuole eseguire la sua performance.

Tempo

Entro un mese dalla ricezione del fascicolo di dichiarazione, il prefetto notifica al richiedente:

  • o una richiesta di ulteriori informazioni (in questo caso, il prefetto ha due mesi per dare la sua risposta);
  • o una ricevuta per una dichiarazione di erogazione del servizio se non effettua un controllo delle qualifiche. In questo caso, la fornitura del servizio può iniziare;
  • o che stia conducendo il controllo delle qualifiche. In questo caso, il prefetto emette quindi al richiedente una ricevuta che gli consente di iniziare la sua prestazione o, se la verifica delle qualifiche rivela differenze sostanziali con le qualifiche professionali richieste in Francia, prefetto sottopone il richiedente a un test attitudino (vedi infra "Buono a sapersi: misure di compensazione").

In tutti i casi, in assenza di una risposta entro i termini summenzionati, il richiedente è considerato legalmente attivo in Francia.

Documenti di supporto

Il file di pre-segnalazione dell'attività deve includere:

  • Una copia del modulo di dichiarazione fornito nel programma II-12-3 del Codice dello Sport;
  • Un documento d'identità con foto
  • Una copia di un ID
  • Una copia del certificato di competenza o titolo di formazione;
  • Una copia dei documenti che attestano che il dichiarante è legalmente stabilito nello Stato membro dell'istituzione e che non è incorrere in alcun divieto, nemmeno temporaneo, di esercitare (tradotto in francese da un traduttore certificato);
  • nel caso in cui né l'attività né la formazione che conducono a questa attività sia regolamentata nello Stato membro dell'istituzione, una copia di tutti i documenti che giustifichino che il dichiarante ha svolto tale attività in tale Stato per almeno l'equivalente di due anni a tempo pieno negli ultimi dieci anni (tradotto in francese da un traduttore certificato);
  • uno dei tre documenti tra cui scegliere (in caso contrario, si terrà un colloquio):- Una copia di un certificato di qualifica rilasciato dopo la formazione in francese,
    • Una copia di un certificato di livello francese rilasciato da un istituto specializzato,
    • una copia di un documento che attesta un'esperienza professionale acquisita in Francia.

Costo

Gratuito.

Rimedi

Eventuali contenziosi devono essere essuasi entro due mesi dalla notifica della decisione al giudice amministrativo competente.

Per andare oltre Articoli R. 212-92 e successivi, A. 212-182-2 e articoli successivi e Appendice II-12-3 del Codice dello Sport.

b. Effettuare una predichiarazione di attività per i cittadini dell'UE per un esercizio permanente (LE)

Qualsiasi cittadino dell'UE o del SEE qualificato per svolgere tutte o parte delle attività menzionate nell'articolo L. 212-1 del codice dello sport e che desideri stabilirsi in Francia, deve fare una dichiarazione al prefetto del dipartimento in cui intende esercizio come principale.

Questa dichiarazione consente al dichiarante di ottenere una carta professionale e quindi di praticare legalmente in Francia alle stesse condizioni dei cittadini francesi.

La dichiarazione deve essere rinnovata ogni cinque anni.

In caso di differenza sostanziale rispetto alla qualifica richiesta in Francia, il prefetto può deferire il comitato di riconoscimento delle qualifiche al ministro dello sport per la consulenza. Possono anche decidere di sottoporre il cittadino a un test attitudino o a un corso di alloggio (vedi sotto: "Buono a sapersi: misure compensative").

Autorità competente

La dichiarazione deve essere indirizzata alla Direzione dipartimentale responsabile della coesione sociale (DDCS) o alla Direzione dipartimentale responsabile della coesione sociale e della protezione della popolazione (DDCSPP).

Tempo

La decisione del prefetto di rilasciare il biglietto da visita rientra in tre mesi dalla presentazione del fascicolo completo da parte del dichiarante. Tale termine può essere prorogato di un mese su decisione motivata. Se il prefetto decide di non emettere la carta professionale o di sottoporre il dichiarante a una misura di compensazione (prova di idoneità o stage), la sua decisione deve essere motivata.

Documenti giustificativi per la prima dichiarazione di attività

Il file di rapporto attività deve includere:

  • Una copia del modulo di dichiarazione fornito nel programma II-12-2-a del Codice dello Sport;
  • Un documento d'identità con foto
  • Una copia di un ID valido
  • un certificato medico non contraddittorio alla pratica e alla supervisione di attività fisiche o sportive, di età inferiore a un anno (tradotto da un traduttore certificato);
  • Una copia del certificato di competenza o titolo formativo, accompagnata da documenti che descrivono il corso di formazione (programma, volume orario, natura e durata dei tirocini effettuati), tradotti in francese da un traduttore certificato;
  • In tal caso, una copia di qualsiasi prova che giustifichi l'esperienza lavorativa (tradotta in francese da un traduttore certificato);
  • Se il documento di formazione è stato ottenuto in un terzo Stato, copie dei documenti che attestano che il titolo è stato ammesso come equivalenza in uno Stato dell'UE o del SEA che regola l'attività;
  • uno dei tre documenti tra cui scegliere (in caso contrario, si terrà un colloquio):- Una copia di un certificato di qualifica rilasciato dopo la formazione in francese,
    • Una copia di un certificato di livello francese rilasciato da un istituto specializzato,
    • Una copia di un documento che attesta l'esperienza professionale acquisita in Francia,
    • documenti che attestano che il dichiarante non è stato oggetto di nessuna delle condanne o delle misure di cui agli articoli L. 212-9 e L. 212-13 del codice dello sport (tradotto in francese da un traduttore certificato) nello Stato membro di origine.

Prove di una dichiarazione di attività di rinnovo

Il file di rinnovo dell'attività deve includere:

  • Una copia del modulo di rinnovo del reso, modellato sul programma II-12-2-b del Codice dello Sport;
  • Un documento d'identità con foto
  • un certificato medico non contraddittorio alla pratica e alla supervisione di attività fisiche o sportive, meno di un anno.

Costo

Gratuito.

Rimedi

Eventuali contenziosi devono essere essuasi entro due mesi dalla notifica della decisione al giudice amministrativo competente.

Per andare oltre Articoli da R. 212-88 a R. 212-91, A. 212-182 e Orari II-12-2-a e II-12-b del Codice dello Sport.

Buono a sapersi: misure di compensazione

Se vi è una differenza sostanziale tra la qualifica del richiedente e quella richiesta in Francia di svolgere la stessa attività, il prefetto fa riferimento alla commissione per il riconoscimento delle qualifiche, collocata al ministro responsabile dello sport. Questa commissione, dopo aver esaminato e indagato il file, rilascia, entro il mese del suo rinvio, un avviso che invia al prefetto.

A suo parere, la commissione può:

  • ritiene che vi sia effettivamente una sostanziale differenza tra la qualifica del dichiarante e quella richiesta in Francia. In questo caso, la commissione propone di sottoporre il dichiarante a un test attitudinale o a un corso di adeguamento. Definisce la natura e le modalità precise di queste misure di compensazione (la natura delle prove, i termini della loro organizzazione e valutazione, il periodo di organizzazione, il contenuto e la durata del tirocinio, i tipi di strutture che possono ospitare il tirocinante, ecc.) ;
  • che non vi è alcuna differenza sostanziale tra la qualifica del dichiarante e quella richiesta in Francia.

Al ricevimento del parere della commissione, il prefetto notifica al dichiarante la sua decisione motivata (non è obbligato a seguire il parere della commissione):

  • Se il dichiarante richiede un indennizzo, ha un mese di tempo per scegliere tra il test attitudine e il corso di alloggio. Il prefetto rilascia quindi un biglietto da visita al dichiarante che ha rispettato le misure di compensazione. D'altra parte, se il corso o il test attitudine non è soddisfacente, il prefetto notifica la sua decisione motivata di rifiutare di emettere la carta professionale alla persona interessata;
  • se non ha bisogno di un risarcimento, il prefetto rilascia un biglietto da visita alla persona interessata.

Per andare oltre Articoli R. 212-84 e D. 212-84-1 del Codice dello Sport.

c. Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'Unione europea o da parte dell'accordo DEL TESORo. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).
Procedura

Il cittadino deve completare un  modulo di reclamo online .

Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).
Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.
Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi ( sito ufficiale ).