Proseguendo la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookie che consentono di realizzare statistiche sulle visite.Saperne di più Accetto

Conducente stradale professionale dei veicoli a veicoli commerciali pesanti

Ultimo aggiornamento: : 2020-04-15 17:23:15

1. Definizione dell'attività

Il conducente stradale professionale dei veicoli veicoli commerciali pesanti è un professionista, la cui attività consiste nel guidare veicoli che trasportano merci di oltre 3,5 tonnellate o nel trasporto di persone con più di nove posti (compresi del conducente) in un ambiente professionale.

Per andare oltre Articolo L. 3314-2 del Codice di trasporto.

Due gradi. Qualifiche professionali

a. Requisiti nazionali

Legislazione nazionale

Per svolgere l'attività di conducente stradale professionale di veicoli pesanti, il professionista deve essere in possesso di una carta di qualificazione del conducente. Per questo deve essere:

  • Hanno completato la formazione professionale iniziale
  • detiene uno dei titoli o dei diplomi di driver stradali di livello IV e V, iscritti nel Registro Nazionale delle Certificazioni Professionali ( RNCP (RNCP) ).

Per andare oltre Articolo R. 3314-28 del codice di trasporto.

Formazione

Per ottenere una tessera di qualificazione, il professionista deve giustificare aver completato la formazione iniziale obbligatoria (FMO) o aver tenuto uno dei seguenti diplomi o titoli professionali:

  • per il trasporto di merci:- una laurea in "autista di trasporto merci su strada" (CTRM),
    • un autista di trasporto stradale o conducente di trasporto stradale (CLM) del Certificato di Professional Fitness (CAP),
    • un certificato di formazione e servizi di studi professionali (BEP) nel trasporto su strada,
    • una designazione professionale (TP) come conducente del trasporto merci su strada su tutti i veicoli (CTRMV) o sul vettore (CTRMP) rilasciato dal ministro responsabile per l'occupazione e la formazione professionale;
  • per il trasporto passeggeri:- un responsabile della ricezione e della guida della PAC, il trasporto passeggeri,
    • un TP di conducente interurbano del traffico stradale (CTRIV) rilasciato dal Ministro per l'Occupazione e la Formazione Professionale,
    • un TP commerciale e guidatore per il trasporto urbano di passeggeri (ACCTRUV) rilasciato dal Ministro per l'Occupazione e la Formazione Professionale.

Per andare oltre : Allegato dell'ordine del 26 febbraio 2008 che indica l'elenco dei diplomi di livello IV e V ammessi in equivalenza sotto la qualifica iniziale dei conducenti di alcuni veicoli assegnati al trasporto merci su strada o passeggeri.

Formazione iniziale minima obbligatoria (FIMO)

Questa formazione, che dura almeno 280 ore, consente al professionista, dopo il completamento di un esame finale, di ottenere il titolo professionale di guida su strada e, in quanto tale, di guidare:

  • dall'età di 18 anni, i veicoli per i quali sono richieste le licenze C1, C1E, C o EC, quando questa formazione si è concentrata sul trasporto di merci;
  • veicoli che necessitano di patente di guida nelle categorie D1, D1E, D o DE, quando questa formazione è stata effettuata sul trasporto passeggeri.

La qualifica professionale iniziale può essere ottenuta anche dal candidato che ha completato una formazione iniziale minima cosiddetta accelerata. Questa formazione, che dura almeno 140 ore per quattro settimane consecutive, permette al professionista di guidare:

  • veicoli per i quali è richiesta la licenza C1E, C1E (a partire da 18 anni), C o CE (a partire dai 21 anni) nel caso di formazione nel trasporto di merci;
  • veicoli per i quali la licenza D1 o D1E (a partire dai 21 anni), D o DE (a partire dai 23 anni) è necessaria quando la formazione si è concentrata sul trasporto passeggeri. Tuttavia, questa età è aumentata a 21 anni per la guida di veicoli la cui patente D o DE è necessaria quando il professionista svolge servizi passeggeri regolari e non di 50 chilometri.

Al termine di questa formazione iniziale, il professionista riceve un certificato di formazione in conformità con il modello stabilito nel programma 2 del decretato dal 31 dicembre 2010 stabilire le condizioni per l'emissione della tessera di qualificazione del conducente e la modifica del decreto del 4 luglio 2008 che definisce il modello di certificati relativi alla formazione professionale iniziale e continua dei conducenti di trasporto su strada merci e passeggeri.

Per andare oltre Articoli R. 3314-1 e quanto segue del codice di trasporto.

Formazione "ponte" specifica

Il professionista con una qualifica iniziale come autista di merci, può ottenere la qualifica di autista passeggeri, purché abbia una licenza valida di classe D1, D1E, D o DE e dopo aver seguito un corso di formazione aggiuntivo di 35 ore.

Tale equivalenza è prevista anche per il professionista che ha ottenuto una qualifica iniziale come autista passeggeri e che desidera ottenere la qualifica di autista di merci. Se del caso, l'individuo deve avere una licenza C1, C1E, C o CE valida e aver completato un corso di formazione di 35 ore.

Inoltre, si ritiene che i conducenti con patente di guida di classe abbiano ottenuto la qualifica iniziale:

  • D o DE validi ed emessi prima del 10 settembre 2008 per l'esercizio dell'attività di trasporto passeggeri;
  • C o CE valida ed emesso prima del 10 settembre 2009, per l'esercizio dell'attività di trasporto merci.

Per andare oltre Articoli da R. 3314-7 a R. 3314-9 del Codice di Trasporto.

Istruzione continua obbligatoria (FCO)

Il professionista è tenuto a completare un corso di formazione continua di 35 ore ogni cinque anni dal momento in cui ha ottenuto la sua qualifica iniziale. Questa formazione deve essere immastata da un ente accreditato alle condizioni dell'articolo R. 338-8 del codice di istruzione.

Il programma e le modalità di questi corsi di formazione iniziali e in corso sono Fermato 3 gennaio 2008 sul programma e su come attuare la formazione professionale iniziale e continuativa del trasporto merci su strada e dei conducenti passeggeri.

Per andare oltre Articoli da R. 3314-10 a R. 3314-14 del Codice di Trasporto.

Carta di qualificazione del conducente

La tessera di qualificazione del conducente viene rilasciata, dopo aver verificato la validità della patente di guida, al professionista titolare:

  • uno dei diplomi o dei titoli di formazione indicati nell'allegato del decreto del 26 febbraio 2008 sopra riportato;
  • certificato di formazione.

Un modello di questa mappa è collegato al Appendice 1 al 31 dicembre 2010. Questa carta viene rinnovata ogni cinque anni dopo ogni sessione di formazione continua.

Per andare oltre Articolo R. 3314-28 del codice di trasporto.

Costi associati alla qualifica

La formazione qualificante paga e il costo varia a seconda dei centri di formazione pertinenti. Si consiglia di avvicinarsi ai centri di formazione presi in considerazione per ulteriori informazioni.

b. Cittadini dell'UE: per la consegna temporanea e occasionale (Free Service Delivery (LPS)) o permanente (Free Settlement (LE))

Non è previsto per il cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea (UE) o una parte statale dell'accordo sullo Spazio economico europeo (AEA) per un esercizio temporaneo e occasionale (LPS) o permanente (LE) in Francia.

In quanto tale, il cittadino è soggetto alle stesse disposizioni del cittadino francese (cfr. supra "2.2). a. Requisiti nazionali").

Tre gradi. Condizioni di onorabilità, regole etiche, etica

Il conducente stradale professionale dei veicoli commerciali pesanti è tenuto a rispettare le disposizioni specifiche in materia di orario di lavoro e tempo di riposo.

In quanto tale, il professionista deve:

  • fare pause ogni sei ore minimo:- almeno trenta minuti quando il suo tempo di lavoro totale è tra le sei e le nove ore,
    • almeno 45 minuti quando il suo tempo di lavoro totale è più di nove ore;
  • Fare attenzione a non superare le sessanta ore di lavoro a settimana;
  • Assicurarsi che l'orario di lavoro non superi le dieci ore, a condizione che una parte del suo lavoro sia svolta tra mezzanotte e cinque ore per un periodo di ventiquattro ore;
  • quando si opera in modo indipendente, conservare i documenti necessari per contare le ore lavorative.

Inoltre, il professionista può ottenere dal suo datore di lavoro tutte le informazioni relative allo spoglio del suo orario di lavoro.

Per andare oltre Articoli L. 3312-1 presso L. 3312-9 e D. 3312-21 a D. 3312-22 del codice di trasporto.

È uno di quattro gradi. Sanzioni

Il professionista rischia una pena detentiva di un anno e una multa di 30.000 euro se falsifica i documenti, fornisce informazioni false, si deteriora o modifica i dispositivi per il controllo o non procede con la loro installazione.

Se necessario, il veicolo su cui è stato commesso il reato verrà rimosso dalla circolazione fino a quando non sarà regolarizzato.

Inoltre, il professionista rischia una condanna a sei mesi di reclusione e 3.750 euro se svolge questa attività senza una tessera di guida o con una carta che non gli appartiene.

Per andare oltre Articolo L. 3315-4 del Codice di trasporto.

Cinque gradi. Procedure e formalità di riconoscimento delle qualifiche

Rimedi

Centro di assistenza francese

Il Centro ENIC-NARIC è il centro francese per informazioni sul riconoscimento accademico e professionale dei diplomi.

Solvit

SOLVIT è un servizio fornito dall'Amministrazione nazionale di ogni Stato membro dell'Unione europea o da parte dell'accordo DEL TESORo. Il suo obiettivo è quello di trovare una soluzione a una controversia tra un cittadino dell'UE e l'amministrazione di un altro di questi Stati. SOLVIT interviene in particolare nel riconoscimento delle qualifiche professionali.

Condizioni

L'interessato può utilizzare SOLVIT solo se stabilisce:

  • che la pubblica amministrazione di uno Stato dell'UE non ha rispettato i propri diritti ai sensi del diritto dell'UE in qualità di cittadino o di un'altra impresa di un altro Stato dell'UE;
  • che non ha già avviato un'azione legale (l'azione amministrativa non è considerata come tale).

Procedura

Il cittadino deve compilare un modulo di reclamo online. Una volta che il suo fascicolo è stato inviato, SOLVIT lo contatta entro una settimana per richiedere, se necessario, ulteriori informazioni e per verificare che il problema rientri nelle sue competenze.

Documenti di supporto

Per entrare in SOLVIT, il cittadino deve comunicare:

  • Dati di contatto completi
  • Descrizione dettagliata del suo problema
  • tutte le prove nel fascicolo (ad esempio, corrispondenza e decisioni ricevute dall'autorità amministrativa competente).

Tempo

SOLVIT si impegna a trovare una soluzione entro dieci settimane il caso è stato rilevato dal centro SOLVIT nel paese in cui si è verificato il problema.

Costo

Gratuito.

Esito della procedura

Alla fine del periodo di 10 settimane, SOLVIT presenta una soluzione:

  • Se questa soluzione risolve la controversia sull'applicazione del diritto europeo, la soluzione viene accettata e il caso viene chiuso;
  • in caso di soluzione, il caso viene chiuso come irrisolto e deferito alla Commissione europea.

Ulteriori informazioni

SOLVIT in Francia: Segretariato generale per gli affari europei, 68 rue de Bellechasse, 75700 Parigi ( sito ufficiale ).